telefoni collezioneOggi abbiamo i favolosi Huawei P30 Pro con Intelligenza Artificiale e fotocamere con zoom 50X. Ma nei primi anni novanta e fino al 2000 bastava una tastiera fisica e qualche antenna per emergere tra la folla. Telefoni cellulari spacciati oggi per vecchi ritornano di gran carriera nella scena pubblica. Al centro di questa riscoperta vi sono i collezionisti e gli intenditori del vintage che farebbero di tutto per mettere le mani su almeno uno di questi 3 cellulari. Per noi possederne uno significa fare un buon affare. Controllare non costa niente. Quanto possono fruttare? Parecchio.

 

Ecco i 3 telefoni più ambiti dai collezionisti

Chiamate ed SMS. Il bagaglio tecnico dei vecchi telefoni si riduce sostanzialmente a questo. C’è un motivo se li chiamiamo cellulari e non smartphone. Servono a poco ma non diamoli per spacciati. Avere anche solo uno di questi esemplari porta ad un favoloso epilogo per le nostre finanze. Vuoi 1.000 euro al volo per poter comprare l’ultimo mostro Huawei? Puoi anche decidere di tenere i soldi o reinvestirli come vuoi. Basta solo riuscire a trovare uno di questi dispositivi.

Leggi anche:  iPhone 11 battuto dai vecchi cellulari: ecco quelli che valgono di più

 

Mobira SenatorMobira Senator

Il design minimal non era il punto forte dei dispositivi del passato. Con questo terminale il concetto diventa piuttosto chiaro. Grande come il ricavo che si ottiene vendendolo oggi all’asta. Si arriva a racimolare 1.000 euro. Fai spazio in cantina e riempi il tuo portafogli.

 

Apple iPhone 2GApple iPhone 2G

Qui si inizia ad intravedere l’anima contenitiva di design per i dispositivi, che diventano davvero mobili. Piccolo ma conveniente per chi riesce a trovarne uno conservato in buono stato. Anche in questo caso i 1.000 euro non sono una chimera. C’è chi si spingerà addirittura oltre. Sono rari e potreste averne inscatolati parecchi.

 

Nokia 9000 CommunicatorNokia 9000 Communicator

Chi voleva passare per un business man comprava questo 9000 Communicator. Niente di particolare ai giorni nostri ma un’etichetta per coloro che hanno vissuto nei gloriosi anni 90. Display bianco e nero e tastierino con pulsanti fisici separati valgono 1.000 euro. Prendi appunti.