Apple-bite-China-riparazione-iphone-rotti-fake

I prodotti contraffatti sono un grosso problema per qualsiasi marchio affermato. A quanto pare, Apple sembra essere coinvolta in merci del genere. Due studenti cinesi dell’Oregon, Yangyang Zhou e Quan Jiang, hanno lanciato un finto programma di riparazione di iPhone dal 2017.

Secondo quanto stimato dalla società, si scopre che hanno frodato Apple di $ 895.800 in totale. Avevano spedizioni di massa di telefoni contraffatti spediti dalla Cina, e hanno presentato a Apple i casi in cui gli “iPhone non si accendono”, sia online che nei negozi. I telefoni sostitutivi sono stati poi rispediti alla fonte in Cina, che ha depositato denaro nel conto della madre di Jiang a cui aveva accesso negli Stati Uniti.

Apple “riparò” (molto probabilmente li scambiò per quelli ristrutturati) e restituì 1.493 degli oltre tremila iPhone finti che furono inviati al suo servizio prima di scoprire che qualcosa non andava su larga scala. Quando la situazione è stata sollevata dal dipartimento di frodi di Apple nell’estate del 2017, hanno inviato a Jiang due ordini di cessare-e-desistere per fermare il programma, ma non hanno ottenuto risposta.

Leggi anche:  Apple, alcuni sviluppatori suggeriscono che la società potrebbe abbandonare iTunes

Non è chiaro se l’avviso di frode sia arrivato all’interno di Apple o delle autorità portuali che stanno indagando sulle spedizioni sospette di iPhone. In ogni caso lo schema è iniziato a crollare per i due cinesi con un visto da studenti di ingegneria. L’avvocato di Zhou afferma che il suo cliente sarà “rivendicato” in quanto non sapeva che gli iPhone spediti dalla Cina erano contraffatti.

Idem per Jiang, che è stato accusato di frode telematica, così come il traffico di dispositivi contraffatti. Dunque, vedremo se Apple riuscirà a recuperare qualcosa dallo schema, considerando che gli iPhone reali riparati sono già stati inviati in Cina.