Altroconsumo: indagine sulla trasparenza, Fastweb risulta uno dei migliori operatori

Altroconsumo ha condotto un’inchiesta davvero interessante che ha agito nel campo della telefonia mobile. Questa è stata dedicata soprattutto all’attivazione di un numero ex novo con tanto di nuovo piano tariffario ed è stata sviluppata nei negozi di telefonia.

A finire sotto la lente sono stati ben 11 operatori mobili e 160 punti vendita diversi, mettendo in chiaro che una delle debolezze resta sempre la qualità e quantità di info fornite proprio negli store di vendita. Tra i più trasparenti in assoluto ecco CoopVoce, seguito a ruota da Tiscali e Ho.Mobile, i quali hanno avuto buone votazioni. Il 70% invece ha ottenuto un voto che scendo sotto il 2. Ovviamente il discorso è ben diverso se si tiene conto di diversi fattori come ad esempio il processo di attivazione e i servizi aggiuntivi. In questo caso la classifica parla chiaro con i principali gestori sul fondo, mentre CoopVoce, Fastweb e Ho.Mobile dominano. Ecco i risultati:

Oltretutto ecco quanto riferito da Roberto Chippa, Chief Marketing & Customer Experience Officer di Fastweb che ha esternato la sua soddisfazione:

Secondo l’indagine diffusa oggi da Altroconsumo sulla trasparenza degli operatori per la telefonia mobile, Fastweb grazie alle politiche volte alla chiarezza e alla semplicità conquista il podio nella speciale classifica stilata dall’associazione dei consumatori. Siamo orgogliosi di questo ulteriore riconoscimento che premia il nostro impegno quotidiano nei confronti dei consumatori e che ci spinge a proseguire sulla strada della massima trasparenza e chiarezza delle nostre offerte di telefonia mobile, dalle quali abbiamo eliminato già da tempo, così come sul fisso, tutti i cosiddetti costi nascosti, i vincoli di durata contrattuale e le penali per recesso anticipato

Leggi anche:  Fastweb Mobile propone un Samsung Galaxy a soli 8 euro al mese

 

Quali sono le domande che gli utenti devono fare in negozio?

Per non trovarvi impreparati ed affrontare in seguito brutte sorprese, ecco quali sono le domande che dovete porre:

  1. Caratteristiche della tariffa proposta
  2. Quali e quanti sono i costi iniziali?
  3. Quanto costa ogni mese aggiungere giga, SMS o minuti?
  4. Costi di uscita in caso di recesso anticipato
  5. Si tratta di una ricaricabile o di un addebito su conto corrente e carta di credito?
  6. Si tratta di un’operazione tariffaria?
  7. Sulla SIM sono attivi servizi a pagamento? Quanto costano?