Aumenti operatori telefonici

L’ultima stangata è arrivata da Vodafone, poiché l’operatore ha deciso di aumentare i prezzi di alcune offerte di rete fissa da luglio con un balzello di 2,99 euro sul canone mensile. Ma, come sappiamo, Vodafone non è il solo operatore telefonico a tartassare i clienti con rimodulazioni tariffarie. Già da inizio 2019, infatti, gli aumenti sono partiti o saranno applicati anche per i clienti TIM e Fastweb.

 

Rimodulazioni operatori Vodafone, TIM e Fastweb

Vodafone

A partire dalla prima fattura dopo il 7 Luglio, alcuni clienti di linea fissa subiranno un aumento di 2,99 euro sul costo mensile del canone. Come da prassi, i clienti stanno già ricevendo una comunicazione da parte dello stesso operatore rosso per illustrare loro le modalità di recesso dal contratto, per attivare una nuova offerta o passare ad altro operatore telefonico gratuitamente.

Fastweb

Per ora nulla di nuovo, a parte che dal 1 Gennaio è stato applicato un aumento di 1,29 euro sul canone mensile delle offerte di linea fissa dell’operatore.

Leggi anche:  Rimodulazioni: nuovi aumenti per i clienti Vodafone, TIM e Fastweb

TIM

Anche TIM ha previsto rimodulazioni che interessano sia alcune tariffe di linea mobile che di rete fissa. Dal 25 Febbraio è stato applicato un aumento di 0,99 euro sul canone mensile di numerose offerte. Sempre dallo stesso giorno, è stato deciso un aumento di 1,99 euro sul canone mensile delle offerte IperGiga Go, Gold Go, Galaxy Go, Young&Music Full Digital, Music Limited Edition, 60+ CB, Special +Voce, Special 400, Special Full Medium, Special Start e Special+ Start.

Infine, a partire dal 15 Marzo verranno rimodulate le seguenti offerte di TIM Business:

  • Tuttofibra e Tim Tutto subiranno un aumento di 10 euro al mese;
  • Internet Professionale subirà un aumento del 10%;
  • Linea Valore+, Linea Valore+ ISDN, Linea Valore+ ISDN, Linea Valore+ ISDN, Linea Voce+, Linea Voce ISDN, Linea telefonica affari, Linea telefonica entrante, Accesso Base Singolo Affari, Linea ISDN e ISDN dati base subiranno un aumento di 10 euro al mese.