Con i suoi 60 miliardi di messaggi inviati ogni giorno. WhatsApp è in assoluto l’app più usata e più diffusa al mondo. Miliardi di internauti interagiscono con i propri contatti grazie a questa piattaforma, ma di pari passo, anche se con dinamiche diverse, anche altri social prevedono una parte dedicata alla messaggistica.

Si pensi a Facebook, con il suo Facebook Messenger a fungere da chat per contatti che siano o meno amici tra loro. Si può richiedere di entrare nel nucleo dei contatti e si può parlare con i propri amici virtuali. Allo stesso modo, anche Instagram presenta una sezione di messaggistica, dove è possibile commentare storie e interagire coi followers.

Integrazione possibile? Zuckerberg e le sue prospettive rosee

Tutta questa compartimentalizzazione a seconda dell’app, però, potrebbe in futuro non essere più così rigida e, invece, divenire molto più fluida. L’intento è quello di agevolare le connessioni anche tra iscritti a piattaforme differenti.

Dal momento che WhatsApp, Messenger e Instagram sono sotto il controllo di Facebook, Mark Zuckerberg starebbe pensando di consentire i contatti da WhatsApp anche verso le altre piattaforme sotto il dominio Facebook, e viceversa.

Sempre garantendo la massima sicurezza nel trattamento dei dati e la crittografia end-to-end (cosa che non sarà semplice da realizzare nel ponte tra le app), questo sarebbe quel quid in più che potrebbe davvero decretare la sconfitta definitiva di altri servizi di messaggistica, uno su tutti Telegram.

La sua annosa rivalità con WhatsApp ha radici ben profonde, e sembra che molte delle novità introdotte dalla società di Zuckerberg siano state “scopiazzate” proprio dal rivale. Sarebbe quindi una grande svolta se, al posto di avere il numero di ogni persona con cui si vorrebbe entrare in contatto, bastasse averla tra gli utenti Messenger o tra i follower di Instagram.

Aspettando ansiosi ulteriori aggiornamenti, non possiamo che dire #staytuned!