La comunicazione mobile è sempre più apprezzata dai consumatori, dai più piccoli ai più grandi; inviare un messaggio è economico, facile e veloce ma un argomento in particolare, sta scatenando l’umore dei consumatori. In molti, pensano che i messaggi che inviamo con le applicazioni di messaggistica istantanea non sono al sicuro, nonostante la crittografia end-to-end; la notizia, ha scatenato il panico di molti utenti che hanno deciso di prendere diversi provvedimenti.

I messaggi non sono al sicuro: ecco come rispondono i consumatori

Per fortuna, oggi esistono numerose applicazioni che presentono caratteristiche diverse e parlando di app di messaggistica istantanea, c’è un opzione che conquistato molti utenti: autodistruggere un messaggio inviato; proprio così, il consumatore può decidere se autodistruggere un messaggio dopo averlo inviato e dopo che il destinatario lo ha letto.

Le applicazioni che permettono questa funzione sono numerose ma le più utilizzate sono Messenger e Confide; la prima è sicuramente molto conosciuta dato che permette agli utenti di Facebook di comunicare fra loro. Molti utenti però, non sanno che l’app permette di inviare un messaggio e impostare un tempo per farlo leggere al destinatario; allo scadere del tempo, il messaggio si autodistrugge e scompare sia dallo smartphone del destinatario che dallo smartphone del mittente. Puoi cliccare qui se vuoi scaricare Messenger sul tuo dispositivo mobile Android, mentre puoi cliccare qui se vuoi scaricarla sul tuo dispositivo mobile Apple.

Leggi anche:  Instagram: il nuovo aggiornamento rivoluziona la sezione Esplora

Confide è un applicazione di messaggistica istantanea che si presenta sia su smartphone Android (clicca qui per scaricare) sia su smartphone Apple (clicca qui per scaricare); anche qui, l’utente può decidere se autodistruggere il messaggio dopo averlo inviato e né destinatario né mittente, possono effettuare uno screenshot della chat.