TIM fornisce 5G negli stadi Roma e Udine

TIM ha appena esteso i primi accessi di rete 5G agli stadi Olimpico di Roma e  Dacia Arena di Udine utilizzando la tecnologia XRAN di JMA. Si tratta di una soluzione per la rete mobile che porterà allo sviluppo del 5G partendo dall’infrastruttura del 4.5G. Questa rete “ibrida” consente di fruire di servizi e app di nuova generazione, raddoppiando le prestazioni agli utenti e, allo stesso tempo, un minore impatto ambientale.

La scelta del “luogo stadio di calcio” non è casuale, visto che l’obiettivo è offrire elevati standard di qualità proprio in aree densamente popolate che richiedono una maggior connessione di rete.

 

Il 5G negli stadi di Roma e Udine: un progetto ambizioso e dinamico

Con questa formula, TIM offrirà ai clienti nuovi servizi digitali, video in HD e prodotti in tempo reale, con una rete dinamica tra spettatori e ambiente. Il 5G garantisce le massime prestazioni di navigazione nell’utilizzo di app e strumenti social anche in presenza di un numero elevato di utilizzatori in contemporanea.

Leggi anche:  TIM copia Vodafone: aumenti da 1 euro al giorno per queste offerte

L’iniziativa di Roma e Udine conferma l’impegno di TIM nell’evoluzione verso il 5G, tecnologia per la quale ha investito 2,4 miliardi di euro per la sola acquisizione delle frequenze. Si tratta di un ulteriore primato di TIM, che, grazie ad una consolidata collaborazione con JMA su soluzioni innovative per copertura speciali, in Italia.

Tramite la virtualizzazione della rete di accesso, TIM ribadisce il suo impegno nell’evoluzione verso il 5G per garantire efficienza e flessibilità, fornendo sempre nuovi servizi digitali, come la fruizione di video a 360° in HD e prodotti in tempo reale.

Nello specifico, la soluzione di rete XRAN messa a punto da JMA è stata progettata per ottimizzare l’esperienza digitale degli utenti, integrandosi in modo trasparente con la rete mobile già esistente di TIM. A beneficiarne è l’ambiente con la riduzione degli spazi occupati dalle strutture di rete, della dissipazione di potenza degli apparati e l’ottimizzazione dei consumi dei sistemi di condizionamento.