Sono in molti, i clienti che si lamentano dei costi nascosti dei gestori telefonici Wind, Vodafone, Tim e 3 Italia che svuotano il credito telefonico; oggi giorno, siamo circondati da tariffe telefoniche estremamente economiche e con contenuti prosperosi ma, non sempre i prezzi sono veritieri.

Nel momento in cui andiamo a firmare un contratto con un azienda telefonica, dobbiamo leggere attentamente ogni riga e non dare per scontato nulla; per quale motivo? Spesso, le aziende telefoniche inseriscono alcune clausole che gli permettono di modificare (nei limiti) il contratto e di aggiungere ulteriori costi. Perciò, cerchiamo di prestare maggiore attenzione a quelle righe con caratteri minuscoli e a tutte le clausole presenti nel contratto.

Fortunatamente, il cliente deve essere avvisato prima che il gestore telefonico metta in atto qualsiasi modifica; solitamente, deve essere avvisato con un SMS di 30 giorni prima che il cliente subisca una variazione del prezzo iniziale.

I costi nascosti dei gestori telefonici Wind, Vodafone, Tim e 3 Italia

Per esempio, se prendiamo in considerazione i gestori telefonici Tim, Wind, Vodafone e 3 Italia presentano alcuni costi, al di fuori del piano tariffario:

  • Segreteria telefonica: i clienti Tim sostengono il prezzo di 1,50 Euro a chiamata, i clienti Vodafone sostengono il prezzo di 1,50 Euro al giorno se l’attivano mentre, per i clienti Wind il prezzo è pari a 0,12 centesimi di Euro al minuto; i clienti 3 Italia sono quelli più fortunati perché sostengono il prezzo di 0,26 centesimi di euro a chiamata.
  • Ti ho cercato“: i clienti Tim sostengono 1,90 Euro al mese per questa opzione, i clienti Vodafone 0,12 centesimi di Euro al giorno mentre, i clienti Wind sostengono il prezzo di 0,19 centesimi di Euro a settimana; anche qui, i clienti di 3 Italia sono i più fortunati perché sostengono il prezzo mensile di 1,50 Euro.
  • Controllare il credito residuo: i gestori telefonici Wind, Tim e 3 Italia non prevedono nessun costo per il cliente che vuole controllare il proprio credito residuo; differente è il discorso per Vodafone che detrae ai propri clienti, 0,40 centesimi di Euro per ogni chiamata.
Leggi anche:  Gli MVNO contrattaccano Tim, Vodafone e Wind Tre con le offerte di Marzo