Qualche giorno fa la nota azienda cinese Vivo ha ufficializzato la nascita del suo nuovo sub-brand, denominato iQOO. Subito dopo la presentazione ufficiale, sono cominciate a diffondersi online le prime indiscrezioni sul primo smartphone targato iQOO. Grazie ad alcune precedenti immagini, si pensava che il primo dispositivo del nuovo sub-brand di Vivo sarebbe stato uno smartphone pieghevole. Tuttavia, stando a quanto trapelato finora, il primo smartphone iQOO non sarà pieghevole, ma avrà una nuova feature: un sensore biometrico integrato nel display di sesta generazione.

 

iQOO: nessuno smartphone pieghevole, ma un dispositivo con delle feature davvero interessanti

A quanto pare, dunque, il primo smartphone del nuovo sub-brand iQOO non sarà un dispositivo pieghevole. L’azienda ha infatti svelato il suo primo smartphone durante un evento live dedicato al All-Star Game Tencent Sport e, osservando le immagini, risulta evidente che non si tratta di un dispositivo pieghevole.

Lo smartphone targato iQOO, infatti, sembra un normale smartphone, molto simile a livello estetico ad altri dispositivi dell’azienda cinese Vivo. Sul retro, poi, possiamo osservare una feature interessante, presa in prestito da Vivo. Qui, infatti, sono posizionati tre sensori fotografici posteriori, posti verticalmente a semaforo sul lato sinistro della backcover.

Leggi anche:  Vivo Z1 Pro: il nuovo mid-range di Vivo è ufficiale per il mercato indiano

Oltre a questo, nelle ultime ore l’azienda ha pubblicato un nuovo teaser in cui viene svelata un’altra chicca di cui disporrà il primo smartphone di iQOO. Questo, infatti, avrà installato a bordo un sensore biometrico integrato nel display di sesta generazione. Comparato con quello di quinta generazione presente sul Vivo Nex 2, questo nuovo sensore promette delle performance e una reattività decisamente superiore rispetto a prima.

Vi ricordiamo che il primo smartphone targato iQOO sarà un dispositivo appartenente alla fascia top del mercato. Come processore, infatti, ci sarà l’ultimo top di gamma di Qualcomm, cioè il SoC Snapdragon 855 (come ha confermato la stessa azienda qualche giorno fa sul social Weibo).