Condividere l’abbonamento Netflix Premium è la soluzione ideale per chi vuole risparmiare qualche soldo senza dover necessariamente rinunciare al servizio di streaming video più famoso di sempre. Il piano Premium, infatti, consente la visione di tutti i film, i cartoni, i documentari e le serie TV del catalogo Netflix su un massimo di quattro dispositivi connessi contemporaneamente, rendendo questo pacchetto particolarmente adatto alla condivisione dell’account altre tre persone tra amici e familiari. Ad ognuno, poi, viene offerta la possibilità di gestire il proprio profilo personale, avendo così a disposizione un circuito di suggerimenti personalizzato che varia a seconda dei gusti manifestati dalla persona emersi analizzando i contenuti visti in precedenza e le ricerche effettuate.

Una soluzione che permette di risparmiare circa dieci euro sul prezzo totale della tariffa. Netflix Premium viene infatti ceduto al costo di 13,99 euro al mese. Pertanto, se l’account viene condiviso con altre tre persone, anche il costo dell’abbonamento verrà ripartito, e gli utenti si ritroveranno così ad usufruire di Netflix Premium per soli 3,50 euro al mese.

Netflix: risparmiare condividendo l’abbonamento, ma sarà ancora possibile?

La condivisione casuale delle password sta diventando troppo costosa da ignorare“, ha dichiarato Jean Marc Racine, il capo responsabile acquisti di Synamedia, azienda che al CES di quest’anno ha presentato Credentials Sharing Insight, una tecnologia basata sul machine learning capace di individuare gli utenti che condividono le password per accedere ai servizi di streaming presenti oggi in rete. Una pratica, questa, che secondo quanto stimato da una ricerca della Parks Associates, ogni anno farebbe perdere circa 1,2 miliardi di dollari ai servizi di streaming.

Leggi anche:  Netflix: arriva una nuova serie dedicata agli appassionati di Formula 1

Anche se l’algoritmo sviluppato da Synamedia potrebbe essere implementato in qualsiasi piattaforma di streaming al fine di individuare e punire gli utenti che condividono la password del proprio account per consentire ad altri di collegarsi ed usufruire del servizio, occorre comunque precisare che, almeno per il momento, Netflix non ha scelto di affidarsi al Credentials Sharing Insight sviluppato da Synamedia, come al contrario hanno già fatto note aziende quali AT&T, Comcast, Disney, Verizon e Sky. Sarà pertanto ancora possibile per gli utenti Netflix condividere l’abbonamento Premium con gli amici o i familiari.