SkySky è da sempre ritenuta azienda decisamente costosa e rivolta ad una ristretta cerchia di facoltosi consumatori, nel tempo, a causa anche dell’importante crisi economica che ha colpito tutto il paese, si è vista costretta a rivedere le proprie tariffe, arrivando addirittura a lanciare un abbonamento sul digitale terrestre ad un prezzo decisamente più commerciale.

Per contrastare le richieste di Mediaset Premium, dal 2018 è disponibile un contratto con un handicap molto importante: l’impossibilità di fruire dei servizi di Sky Q MySky (data l’assenza del decoder).

Dall’altro lato della medaglia troviamo invece un accesso diretto senza l’installazione della parabola satellitare, ed un prezzo di avviamento pari a soli 39 euro. I contenuti fruibili, anche tramite Sky Go (l’applicazione mobile con la quale godere dei canali), appartengono ai pacchetti TVCalcio Sport, ma in versione ridotta.

 

Leggi anche:  Sky diventa operatore? Tim, Vodafone, Wind Tre ed Iliad sono avvisati

Sky: tutti i pacchetti possono essere richiesti sul digitale terrestre

Il digitale terrestre, come più volte annunciato in seno alle offerte di Premium, è limitato nelle frequenze radio adottabili per la trasmissione dei contenuti. Per questo motivo le aziende sono indubbiamente costrette a scegliere quali canali trasmettere, rinunciando a qualcos’altro.

L’abbonamento da 29,90 euro al mese di Sky (valido solamente per i primi 12 rinnovi, poi avrà un costo di 44,90 euro), include al proprio interno buona parte dei programmi d’intrattenimento e delle serie TV, nonché due canali di Sport e due di Calcio. Tutti i contenuti sono trasmessi in HD, con accesso diretto tramite la propria televisione (non è richiesta l’installazione di una parabola o quant’altro).

L’attivazione è possibile direttamente sul sito ufficiale dell’azienda in questione, senza particolari limitazioni.