Era stato predetto ed ora sembra realtà: dopo Samsung e LG anche Apple si affida a Sony per ampliare il suo compartimento fotografico. I nuovi iPhone, a quanto pare, saranno dotati di sensori ToF (Time of Flight) capaci di riprodurre foto in 3D con un semplice scatto! Ma le novità non terminano qui visto che questa tecnologia potrà essere usata anche per innovare il riconoscimento facciale, le gestures e il gaming in se stesso.

Sony e Casa Cupertino: innovazione o tecnologia già vista?

Sebbene dalle dichiarazioni rilasciate da Sony non emerga alcun nome di alcuna azienda, i riferimenti ad Apple sono chiari. Inoltre, il responsabile Satoshi Yoshihara ha ribadito che saranno diverse aziende a collaborare con loro quest’anno. Proprio per questo motivo, il livello di produzione è incrementato e gli sviluppatori stanno lavorando sodo per portare sui nuovi terminali una tecnologia funzionante e intuitiva. Time of Fligh permetterà agli utenti di sperimentare un nuovo mondo fotografico e ciò sembra essere assodato dalle stesse parole di Yoshihara che afferma “Le fotocamere hanno rivoluzionato i telefoni, e sulla base di ciò che ho visto ho le stesse aspettative per il 3D”.

Leggi anche:  Apple ha cancellato lo sviluppo del prodotto AirPower: standard troppo alti

Per chi se lo stesse chiedendo, questo fatidico “Time of Flight” non è altro che una tecnologia che sfrutta un raggio laser. Questo viene inviato e indirizzato verso un oggetto e il dispositivo stesso calcola il tempo di rimbalzo (tempo in cui torna indietro il raggio) per misurarne l’effettiva distanza. Come vi abbiamo già detto, le modalità di impiego del ToF sono innumerevoli e molto varie.