5G italia tariffe operatoriIliad, TIM, Vodafone, Wind, 3 Italia e Fastweb sono uscite vittoriose dall’asta per le frequenze 5G che ha previsto le nuove assegnazioni sui 700 MHz, 3500 MHz e 26 Ghz. Sono stati spesi qualcosa come 6,5 miliardi di euro, contro ogni più rosea previsione del governo.

Gli operatori faranno pagare a caro prezzo il 5G e non mancheranno anche ulteriori spese inattese. Saremo noi a scegliere se accedere alla nuova rete o rimanere in 4G. Nella prima ipotesi non aspettiamoci carezze.

 

5G: in cosa consiste

Dietro la denominazione di rete 5G si nasconde il futuro di tutti i network. I segmenti pubblici e privati di medicina, iOT, IoV, streaming, domotica e gaming convergeranno verso la nuova idea del “Play&Think” contraria alla logica dell’attuale Plug&Play usato per tutti i dispositivi.

Si tratterà di Internet Illimitato sia in quanto a Giga mensili che a velocità. Punti aggiuntivi per la sicurezza ed una nuova idea di tutto illimitato zero lag. La copertura non sarà più un problema es si potrà fare a meno dei tool di verifica per il miglior segnale.

Iliad, TIM, Vodafone, Wind, 3 e Fastweb sono a capo della rivoluzione della rete.

 

5G: costi della connessione

In sé e per sé i costi del 5G non rincuorano tutti coloro che vogliono accedere al nuovo network. Il tutto incluso ha un prezzo e stando ai primi dati provenienti dal Nord e dal Centro Europa pare si possa parlare di tariffe da 50 euro al mese. Ovviamente non ci saremmo aspettati i 7,99 euro di Iliad, ma neanche così tanto.

Leggi anche:  Samsung Bolt, nuove prove confermano lo smartphone 5G per Verizon

Molto probabilmente sarà così all’inizio, con un 2020 quale trampolino di lancio per una tecnologia che negli anni diventerà lo standard più diffuso.

Tutto sommato consideriamo alcuni aspetti. Con una soluzione simile potremmo dire addio alle connessioni Flat in casa. La copertura nazionale non sarà un problema e con una velocità oltre il Gbps navigare sarà un piacere anche a casa, dove si potranno usare dei modem portatili con cui condividere la connessione.

Guardano la situazione in questi termini i costi appaiono senza dubbio meno traumatici. Alla fine è solo questione di esigenze.

Diverso, invece, lo scenario per chi vorrà usare solo il telefono. Spendere 50 euro è decisamente troppo per mandare qualche file o messaggio con Whatsapp. Il tutto senza contare che servirà un apposito smartphone 5G con modem idoneo a codificare e decodificare il nuovo segnale ad alta frequenza.

Per quanto concerne i nuovi telefono ci si potrà affidare a soluzioni consumer in fascia di prezzo medio-bassa come per gli Xiaomi ed i OnePlus. Chi preferirà invece i brand più blasonati deve aspettarsi una spesa che sfora il migliaio di euro. Sono troppi per la maggior parte di noi. Voi che ne pensate? Resterete ancorati al 4G ed alle nuove offerte o passerete oltre? Spazio ai commenti.