Call Center Vodafone, Wind, Tre e Tim: fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio

Il telemarketing esiste da molti anni e ancora oggi, i consumatori sono vittime continue di telefonate infinite e pressanti; spesso sono call center che chiamano per conto di gestori telefonici Tim, Vodafone, Wind e 3 Italia o per aziende di luce e gas.

Da un paio di mesi, ci sono arrivate delle segnalazione, da parte di clienti che sono stati truffati da call center e operatori telefonici; le truffe sono sempre esistite, e ancora oggi, invece di diminuire sono aumentate e sono sempre più subdole.

La truffa più usata

Le truffe compiute, hanno colpito maggiormente le persone anziane e con un unico metodo; pertanto, un fatidico “si”, potrebbe dare vita alla stipulazione di un contratto telefonico non richiesto.

Gli operatori telefonici hanno come obiettivo quelli di vendere una promozione per conto di un’ azienda; il consumatore deve essere molto scrupoloso e attento, durante una telefonata commerciale.

La truffa, che ha colpito le vittime, ha un metodo molto semplice: l’operatore telefonico chiama il cliente e chiede se sta parlando con il proprietario del numero, dicendogli il nome e cognome, che visualizza sulla scheda del pc (es. sto parlando con la signora Giulia Rossi?); il cliente che, risponde con il fatidico “si”, viene registrato e usato in un secondo momento per stipulare il contratto attraverso una registrazione che avviene via telefono.

Leggi anche:  Call center e operatori telefonici: la truffa del SI sta colpendo i clienti

Come proteggersi

E’ giusto dire, che non tutti gli operatori telefonici, hanno intenzione di truffarvi; anzi, ci sono molte persone che svolgono questo tipo di lavoro in maniera leale e corretta. Pertanto, il consumatore, è costretto a prestare maggiore attenzione, durante una telefonata commerciale ed evitare di rispondere alle domande poste, con un semplice “si” che potrebbe portare, alla stipulazione del contratto, anche se non richiesto.