Vodafonecosti nascosti insiti nell’attivazione di una passa a Vodafone, con corrispettiva SIM ricaricabile e portabilità, potrebbero lentamente prosciugare il credito residuo del non attento utente italiano. L’addetto del punto vendita è sempre preciso nell’elencare gli eventuali costi accessori, ma il più delle volte capita di non ricordare gli ammonimenti iniziali, arrivando a trovare addebiti non desiderati.

Quanto andremo a raccontare, è importante ricordarlo, è valido per qualsiasi passa a Vodafone attivata, se avete appena richiesto una SIM dell’operatore in red dovete necessariamente drizzare le orecchie, in modo da scoprire come fare per evitare spiacevoli sorprese.

Il primo aspetto da prendere in considerazione riguarda il piano base. All’attivazione della SIM verrà integrato anche il piano tariffario a consumo, Vodafone 19. Questi sostanzialmente non verrà mai sfruttato, almeno fino a quando disporrete anche di una tariffa da tutto incluso, ma in seguito alla prima mensilità gratuita, richiederà il versamento di un canone di 1,96 euro ogni 30 giorni. Il passo da compiere è richiedere, direttamente dall’applicazione o dal profilo online, il cambio piano gratuito verso almeno Vodafone 25.

Leggi anche:  5G arriva nei primi mesi del 2019 con Tim e Vodafone che sfidano Wind e Tre

 

Passa a Vodafone: come evitare i costi nascosti

Per facilitare la vostra vita, Vodafone attiverà Rete Sicura, ovvero un antivirus che impedirà la connessione a pagine malevole o il download di file non sicuri. I primi tre mesi in genere vengono offerti, poi verrà addebitato 1 euro al mese (disattivazione gratis dall’applicazione o dal sito).

Gli ultimi due accorgimenti o disattivazioni che vi possiamo consigliare riguardano segreteria telefonica servizio chiamami. Entrambi, solo se utilizzati, potrebbero portare un costo di rispettivamente 1,50 0,12 euro al giorno.