smartphone-vista

La tecnologia ci renderà degli idioti“. Così ci hanno detto quando la tecnologia sembrava essere l’apocalisse delle nostre vite. A questo punto, sappiamo tutti che ogni volta che ne facciamo un uso corretto, gli effetti che ha avuto in molte aree della società, anche nella salute (la cosiddetta eHealth), sono più positivi che negativi.

Tuttavia, tutto ha un aspetto meno amichevole ed è vero che l‘abuso di certe tecnologie, in particolare di dispositivi mobili, tablet, ecc., ha dato origine a nuovi disturbi psicologici (la “nomofobia” o il “phubbing”), come problemi fisici associati all’uso eccessivo.

Tra gli altri aspetti, gli esperti sono preoccupati di come l’esposizione agli schermi influenzi la nostra salute visiva e, ovviamente, quella dei bambini, che trascorrono sempre più tempo esposti alla luce blu emessa da questi dispositivi. “La spiegazione dei rischi è molto semplice. Mantenere gli occhi fissi davanti a uno schermo riduce lo sfarfallio e facilita l’evaporazione della lacrima, pertanto l’occhio idrata peggio e con meno regolarità di quanto corrisponderebbe. Non solo, ma il fatto di osservare così tante ore a così breve distanza fa sì che la visione a lunga distanza non funzioni, il che può generare dall’irritazione degli occhi alla miopia o al distacco della retina“, spiegano gli esperti dell’Istituto Català de Retina (ICR).

Pertanto, insistono sul fatto che una buona routine per la salute degli occhi diventa essenziale quando gli schermi sono già diventati parte della nostra giornata. Ecco alcuni suggerimenti che possiamo mettere in pratica:

 

Riposa la vista

È vitale che riposino alcuni minuti. In questa linea, c’è la regola 20-20-20 che consiste nel riposare ogni 20 minuti per circa 20 secondi e guardare a 20 metri di distanza. Ci sono altre regole che difendono riposando tra 1 e 2 minuti ogni ora, più o meno, e che guardi un punto il più lontano possibile. La cosa più importante è segnare una routine quotidiana in cui la vista si basa su una base regolare.

 

La regola di 40 centimetri

Quando si guarda un dispositivo come un telefono cellulare o un ebook, la distanza tra gli occhi e lo schermo deve essere superiore a 40 centimetri. Nel caso in cui abbiate problemi a leggere, invece di avvicinarvi al dispositivo, è meglio modificare il corpo della lettera con uno di superiore.

Leggi anche:  Tim lancia la nuova tariffa ad un prezzo imperdibile: i consumatori entusiasti

 

La regola di 70 centimetri

Nel caso di gun laptop o un computer desktop, la distanza di sicurezza con gli occhi dovrebbe essere di 70 centimetri.

 

Lo schermo all’altezza degli occhi

Il modo meno aggressivo per gli occhi è di posizionarlo alla stessa altezza degli occhi o un po’ più in basso. La spiegazione è semplice. Se devi alzare lo sguardo per guardare lo schermo, apri anche gli occhi di più e, quindi, l’area esposta aumenta e aumenta anche l’evaporazione della lacrima.

 

Inclinare lo schermo

Oltre ad avere lo schermo all’altezza degli occhi, o un po’ più in basso, devi anche cambiare l’inclinazione. Il modo più comune è verticale, ma il meno aggressivo per le lacrime e la vista è che lo schermo sia inclinato all’indietro di circa 5 o 10 gradi rispetto alla verticale.

 

Caratteristiche dello schermo

La cosa più importante è che lo schermo che stai guardando ha una buona risoluzione, un buon contrasto e, soprattutto, che è antiriflesso poiché è importante evitare i riflessi della luce.

 

Mai al buio

Guardare uno schermo, qualunque esso sia, può essere molto dannoso se fatto al buio. L’occhio si apre per adattarsi all’ambiente in condizioni di scarsa illuminazione e, allo stesso tempo, riceve un impatto luminoso diretto. La stanza dovrebbe essere illuminata e, nel caso tu stia leggendo o scrivendo, la cosa più importante è che hai un punto luce dietro di te per mettere a fuoco il dispositivo. E devi cercare di evitare la generazione di ombre.

Uno dei posti migliori in cui lavorare davanti a uno schermo è davanti a una finestra: migliora l’illuminazione e facilita il resto degli occhi.

 

Temperatura adeguata

La temperatura influisce anche sulla lacrimazione degli occhi, che può evaporare più velocemente se l’ambiente è molto caldo.

 

Con le lenti a contatto aumenta il pericolo

Se alle spiegazioni di cui sopra aggiungiamo lenti a contatto che non smettono di essere un corpo estraneo all’interno dell’occhio, aumenta il pericolo di irritazioni e lesioni.