5G

Il nuovo Standard per il digitale terrestre, DVBT2, approderà ben presto in Italia e in Europa per liberare una volta per tutte le frequenze utilizzate per il futuro 5G. Come si può immaginare, nuove frequenze significherà anche cambiare decoder ed eventualmente tv. In quali casi sarà obbligatorio?

DVBT2: comporterà una spesa agli italiani?

Quando questo cambio di frequenze è stato annunciato, si è sparso un po’ di terrore tra i consumatori e le famiglie italiane: chi aveva comprato un televisore nuovo si era ritrovato con mille dubbi. Vi possiamo anticipare che non sarà necessario acquistare una nuova televisione poichè quelle entrate in commercio negli ultimi due anni dovrebbero supportare il codec senza alcun problema. Per i dispositivi più vecchi, invece, basterà comprare un nuovo decoder e il tutto sarà risolto.

Leggi anche:  5G di Iliad, Vodafone, TIM e Wind sarà costoso, ma anche il DVBT2 non scherza

Un po’ come un déjà-vu si tornerà al tempo in cui si è passato dal segnale analogico all’attuale digitale terrestre. In ogni caso, se avete qualche dubbio sul vostro televisore e se questo possa essere idoneo, dovrete cercare se supporta il codec H265/HEVC. 

Secondo l’Articolo 89 della nuova legge di Bilancio, gli italiani non saranno lasciati da soli davanti a questa spesa e difatti lo Stato dovrebbe garantire ad ogni famiglia 25 euro di bonus per acquistare i nuovi decoder.