facebook

A quanto pare, Facebook era a conoscenza della raccolta dei dati collegata alla Russia già nel 2014, secondo una email di un ingegnere della società. L’e-mail era contenuta in alcuni documenti interni che sono stati sequestrati dal Parlamento del Regno Unito e rivelati in un’udienza odierna da MP Damian Collins, via Bloomberg.

È l’ultimo colpo alla incapacità di Facebook di proteggere i dati dei suoi utenti, in seguito a violazioni come lo scandalo di Cambridge Analytica e i dati di login introdotti all’inizio di quest’anno. Facebook non ha commentato i documenti durante l’audizione nel Regno Unito.

Richard Allan, vice presidente delle soluzioni politiche di Facebook, ha rifiutato di discutere l’e-mail, che era stata sigillata dai tribunali della California insieme ad altri documenti di Six4Three, il defunto sviluppatore di app che stava facendo causa a Facebook per un problema non correlato negli Stati Uniti e costretto a fornire questi documenti al Parlamento all’inizio di questa settimana. Allan ha rappresentato Facebook all’udienza dopo che l’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg ha negato le ripetute richieste di testimoniare, secondo The Washington Post.

 

Leggi anche:  Perché i dirigenti della Silicon Valley proibiscono lo smartphone ai loro figli

Facebook non è l’unica società ad avere problemi

Questo non è il primo incidente che riguarda l’influenza russa su Facebook. La compagnia ha affrontato la preoccupazione del Congresso riguardo agli annunci russi apparsi durante la stagione elettorale degli Stati Uniti del 2016, e ha ripetutamente vietato i conti forniti dall’Agenzia di ricerca Internet con sede in Russia nel corso del 2018.

Il problema più grande è che Facebook sta continuando a non essere trasparente con il pubblico quando arriva un problema di fuga di dati. È la continua prova che avvalora la tesi che la piattaforma dovrebbe essere rivista per garantire agli utenti la sicurezza dei loro dati.