Galaxy F, lo smartphone pieghevole di Samsung

I produttori di smartphone cinesi come Huawei, OPPO e Xiaomi stanno lavorando alacremente per realizzare il design dei loro dispositivi pieghevoli e Xiaomi, in particolare, vuole essere la prima azienda al mondo a farlo anche se se Samsung e Huawei sono molto più avanti. Samsung ha perfino mostrato il suo prototipo: Galaxy F.

Lo smartphone pieghevole di Samsung è stato il protagonista della Samsung Developer Conference dove i numeri uno del produttore non solo ne hanno dato un assaggio ma hanno parlato anche della nuova interfaccia sviluppata in collaborazione con Google e del nuovo Infinity Flex display ossia lo schermo pieghevole.

Samsung è così avanti che questo suo Galaxy F sarà disponibile all’acquisto il prossimo anno con una presentazione imminente nei primi mesi del 2019. Nonostante questo, Xiaomi è determinata ad offrire un form factor diverso, sempre pieghevole e con un prezzo di vendita che sappia invogliare gli appassionati.

Un’azienda cinese sconosciuta ha dimostrato di aver realizzato un modello pieghevole, visibile nel teaser qui sotto, e che intende venderlo a 1300 dollari. Una cifra tutto sommata economica se confrontata all’ipotetico prezzo di cartello dello smartphone pieghevole di Samsung.

Leggi anche:  Corsair: il nuovo SSD MP510 costa meno di un 970 Evo ed è teoricamente più performante

 

Galaxy F, il primo smartphone pieghevole di Samsung sarà carissimo

Si dice che Galaxy (o Galaxy X) verrà messo in vendita ad una cifra di circa 1800 dollari, forse anche qualcosina in più. Gli eventuali competitor come Xiaomi o OPPO, invece, starebbero pensando ad un costo che non supererebbe i 900 dollari per un dispositivo con display flessibile realizzato da LG.

Praticamente la metà di quanto costerebbe il dispositivo Samsung. L’altro giorno, durante la sessione di domande e risposte alla Developer Conference, i numeri uno dell’azienda hanno dichiarato che tenteranno tutto il possibile per rendere disponibile Galaxy F a un prezzo “appropriato”, qualunque cosa significhi.

Per questo motivo vogliamo chiedervi quanto pensate che Samsung chiederà per il suo primo smartphone pieghevole che sfoggerà un display da 4.56 pollici di diagonale quando è chiuso e un pannello più ampio, da 7.3 pollici di diagonale, quando il dispositivo è aperto in modalità tablet.