Facebook Messenger

Nell’ultimo periodo il social network Facebook sembrava essersi risollevato dopo lo scandalo Cambridge Analytica che lo ha colpito qualche mese fa. Ora, secondo alcune indiscrezioni, sembrerebbe che il social utilizzi il nostro numero di telefono per scopi pubblicitari.

Nonostante avesse riacquistato un po’ di fiducia da parte degli utenti, cercando di sconfiggere, o almeno provarci, le fake news, questa notizia non farà sicuramente piacere alla maggior parte degli iscritti.

 

Facebook utilizza il nostro numero di telefono a nostra insaputa?

Nelle ultime ore la piattaforma di Mark Zuckerberg ha confermato che i numeri di telefono dei propri utenti forniti per l’autenticazione a due fattori, sono utilizzati per scopi pubblicitari. Questo scivolone va ad aggiungersi al problema che il social ha con la privacy. Tutto è partito da una ricerca effettuata da Alan Mislove, un professore della facoltà di Scienze informative della Northeastern University di Boston. La ricerca è stata pubblicata dal sito Gizmodo lo scorso 27 settembre.

Leggi anche:  Instagram copia Whatapp: in arrivo i messaggi vocali e una nuova novità

Dopo questi risultati, è arrivata anche l’ammissione da parte dell’azienda. Anche TechCrunch si è interessato alla questione, ottenendo finalmente una dichiarazione ufficiale di un portavoce. Eccola nel dettaglio: “Usiamo le informazioni che le persone forniscono per offrire loro un’esperienza su Facebook il più possibile personalizzata, annunci pubblicitari compresi. Siamo consapevoli dell’uso che facciamo delle informazioni raccolte, incluse quelle dei contatti che gli utenti aggiungono ai propri account. Queste informazioni possono essere gestite ed eliminate in qualsiasi momento“.

La risposta non è stata del tutto esaustiva, soprattutto perché secondo la ricerca di Mislove, Facebook non si accontenterebbe di utilizzare le informazioni di contatto inserite da noi utenti, volontariamente. Al contrario, utilizza anche dati che gli utenti inseriscono per altri motivi, come l’autenticazione a due fattori.