Inizia l’autunno e non ci sono buone notizie per gran parte degli utenti Wind. Dallo scorso mese di luglio vi abbiamo raccontato i piani del provider per una nuova modifica dei contratti in vigore. In seguito agli aumenti della primavera, il 2018 sarà caratterizzato da un ennesima piccola stangata per alcuni selezionati utenti di telefonia fissa.

 

Wind cambia i contratti per la rete fissa: 5 euro in più ogni due mesi

Le anticipazioni sono state confermate in toto. Per i clienti ci sarà un incremento di 2,50 euro sugli odierni costi di listino. La modifica riguarderà solo gli abbonati di linea fissa che hanno contratti con fibra ottica e ADSL. Calcolando la rimodulazione con la classica fatturazione bimestrale, i rincari avranno valore 5 euro ogni due mesi.

Ancora oggi, a settimane di distanza dall’annuncio, sui social sta fermentando la polemica. Il provider prova a difendersi ammettendo come le variazioni unilaterali serviranno per tenere alta la qualità del servizio e competere rispetto alle differenti condizioni del mercato.

Leggi anche:  Passa a Wind: poche ore per richiedere la Wind Smart Top 40

Per chi non vuole accettare gli aumenti di prezzo la via maestra è quella del diritto di recesso. Gli abbonati non potranno quindi rifiutare questo cambiamento ma potranno sempre chiudere il contratto senza pagare penali o extra di qualsiasi tipo.