Huawei P30

Huawei P30 si farà e si chiamerà proprio così, non ci sono dubbi. Lo ha rivelato ufficialmente il CEO di Huawei, Richard Yu, a IFA 2018 durante la presentazione del SoC Hisilicon Kirin 980, il chip che caratterizzerà gli imminenti Huaei Mate 20 e Mate 20 Pro che arriveranno ad ottobre in un evento londinese.

Nel corso di questo keynote il numero uno del produttore cinese che ambisce al primo posto della classifica dei produttori di smartphone, ha parlato anche delle recenti prestazioni del proprio marchio affermando che le vendite vanno a gonfie vele. L’amministratore delegato ha poi affermato senza troppi problemi:

 

Huawei P30 sarà lo smartphone Android migliore di Huawei: parola del CEO

Huawei Mate 20 sarà migliore [rispetto al P20 Pro]… e il prossimo anno Huawei P30 lo sarà ancora di più“. Una frase che non solo afferma la volontà di Huawei di lanciare un top di gamma nel 2019 con il nome Huawei P30, ma che quest’ultimo sarà il migliore mai realizzato.

Huawei P30, anche se non abbiamo informazioni precise, verrà presentato al Mobile World Congress di Barcellona 2019 che si terrà alla fine del mese di febbraio, o poco dopo nel corso di un evento dedicato interamente a questo smartphone. Un dispositivo che come da modus operandi Huawei, arriverà anche in una versione Lite e Pro.

Leggi anche:  Huawei propone un corso di fotografia gratuito per tutti, aperte le iscrizioni

Richard Yu non ha aggiunto altro su di lui per il quale parleranno le indiscrezioni a partire dalla fine dell’anno. Sono stati rivelati, invece, alcuni dettagli sugli imminenti Huawei Mate 20 e Mate 20 Pro di cui vi abbiamo parlato in questo articolo. Entrambi gli smartphone presenteranno un sistema di riconoscimento degli oggetti basato sull’intelligenza artificiale.

Quest’ultimo rivoluzionerebbe l’esperienza di utilizzo di alcuni comparti dello smartphone e oltre al sistema di riconoscimento ci sarebbe anche una segmentazione delle immagini in tempo reale. Caratteristiche e funzionalità rese possibili proprio dal chip Kirin 980 che ha componenti dedicate all’intelligenza artificiale.