IPTVLa Polizia Postale appare essere davvero senza scrupoli contro tutti gli utenti che, per un motivo o per l’altro, decidono di accedere gratuitamente ai canali di Sky Mediaset Premium per mezzo dei vari siti IPTV. La pratica, considerata completamente illegale, può portare a sanzioni amministrative o pene detentive abbastanza elevate.

Sebbene la crisi sia ancora abbastanza pesante per la popolazione italiana, ad oggi risulta essere praticamente impossibile pensare di poter accedere alle principali pay TV, senza dover corrispondere il classico canone di abbonamento. I prezzi, indubbiamente, non aiutano; le ultime promozioni di casa Sky, ad esempio, parlano di almeno 29,90 euro al mese per le Serie TV e lo Sport, tramutato in 34,90 euro con l’inclusione del calcio giocato della Serie A.

 

IPTV: la Serie A e la Champions League non possono essere viste gratis

Sebbene quanto scritto denoti un esborso particolarmente elevato per l’utenza italiana, in nessun modo legale è possibile accedervi gratuitamente (a meno di particolari campagne promozionali), men che meno tramite la pratica dell’IPTV.

Leggi anche:  IPTV: Le Iene avevano avvisato gli utenti, arrivano multe e reclusione per molte persone

Con questa, grazie ad una semplice connessione dati attiva ed un software di riproduzione video, anche l’utente più inesperto al mondo può accedere gratuitamente a migliaia di canali televisivi, tra cui proprio quelli di Sky Mediaset Premium.

Tutto avviene tramite internet, il rischio più elevato lo corre colui che trasmette il segnale, ma nulla vieta alla Polizia Postale di multare anche l’utente finale. Ricordiamo, infatti, che anche la fruizione del contenuto risulta essere passibile di una sanzione amministrativa di 25000 euro (al massimo) o di una pena detentiva di ben 4 anni.