facebook-appLo scandalo Cambridge Analytica, reso pubblico lo scorso marzo, non sembra aver avuto fine con la chiusura della compagnia. Anche se le applicazioni messe sotto i riflettori sono state bandite dal social network per l’uso improprio dei dati personali relativi agli utenti, Facebook continua a condurre un’indagine sulle altre applicazioni che operano per valutare la misura in cui esse non riproducano comportamenti simili. Il risultato, in cinque mesi di analisi, è la sospensione di 400 app.

 

Una storia senza fine

All’ultima verifica, l’azienda di Mark Zuckerberg aveva annunciato la sospensione di 200 app. Il social network ha annunciato che stava conducendo questa ricerca perché c’erano preoccupazioni “con i programmatori che le avevano sviluppate e con la direzione data alle informazioni che gli utenti hanno deciso di condividere con alcuni di questi programmi“. In un post pubblicato nel suo blog ufficiale, Facebook ha affermato che stava indagando su alcuni dei possibili usi dati a queste informazioni.

Una delle app in esame, che è stata successivamente bannata, è myPersonality. Il social network ha detto che i leader dell’app hanno deciso di non collaborare con una verifica del funzionamento dello stesso e perché era evidente “che la società avrebbe condiviso dati privati ​​con i ricercatori e le altre aziende al di fuori delle loro operazioni“. Dall’inizio della sua attività, quattro milioni di persone hanno deciso di condividere i propri dati con l’app. Tutti questi profili verranno ora notificati da Facebook.

Leggi anche:  Facebook segreto: ecco 5 aneddoti che ancora non conosci

Parallelamente, Facebook si sta anche occupando del fatto che una delle sue applicazioni è diventata incompatibile con le regole di sicurezza dell’Apple App Store. Onavo doveva essere rimosso dal negozio dal momento che le nuove linee guida hanno impedito la raccolta di dati al programma – almeno il modo in cui questo viene fatto. Secondo la stampa internazionale, l’applicazione in questione ha utilizzato un servizio VPN per analizzare l’attività degli utenti sul proprio smartphone, al fine di raccogliere informazioni sui prodotti concorrenti.

Con l’ultimo aggiornamento delle nostre linee guida, abbiamo chiarito che le applicazioni non devono raccogliere informazioni su altre applicazioni che possono essere installate sul dispositivo di un utente per scopi analitici o pubblicitari“, ha detto Apple in una nota riguardante Onavo. In risposta, Facebook si è difeso sottolineando che è sempre stato chiaro come funziona questa app. Onavo è ancora disponibile per Android, attraverso il Play Store.