Android 9 Pie
Android 9 Pie è stato presentato ufficialmente e Huawei non può rimanere a guardare. Secondo un portavoce della società, il famoso marchio cinese presenterà la sua nuova interfaccia personalizzata, la EMUI 9.0, basata su Android 9 Pie all’IFA 2018 di Berlino dove Huawei svelerà anche il suo nuovo processore Kirin 980.

Il portavoce continua aggiungendo che è stato confermato come la serie Huawei P20, che comprende P20, P20 Pro e P20 Lite, riceverà l’aggiornamento ad Android 9 Pie e alla nuova interfaccia utente appena un mese dopo; a settembre. Una volta che tutti e tre i dispositivi verranno aggiornati, i prossimi saranno quelli della serie Mate.

Nello specifico, Android 9 Pie arriverà come aggiornamento software anche su Huawei Mate 10, Mate 10 Pro e Mate 10 Lite presumibilmente sempre entro il mese di settembre. I dispositivi che invece lo avranno già di default, appena tirati fuori dalla confezione di vendita, saranno Mate 20, Mate 20 Pro e Mate 20 Lite.

Per quanto riguarda tutti gli altri, non si conoscono ancora le scelte del produttore che in linea di massima è uno di quelli che ama aggiornare quanti più smartphone possibili. È chiaro però che un modus operandi del genere richiede molto tempo e quindi i possessori di altri smartphone Huawei potrebbero essere costretti ad aspettare non poco.

Leggi anche:  PS4, disponibile l'aggiornamento versione 6.02: bug crash loop risolto e non solo

 

Android 9 Pie, le novità che verranno introdotte sui dispositivi Huawei

Al di là della nuova versione dell’interfaccia utente, che non sappiamo in cosa differirà dalla versione attuale, Android 9 Pie ottimizzerà il funzionamento di ogni smartphone rispetto ad Android Oreo. Come potete leggere in questo nostro articolo, il sistema sarà più intelligente.

Android imparerà a conoscere l’utente per anticiparlo non solo nella gestione delle applicazioni ma soprattutto nell’utilizzo delle risorse e della batteria che durerà più spesso grazie ad una funzione che apprende quali sono le app che utilizzi di più e limita l’accesso alla batteria per le app in background.