Facebook Messenger

Quando si parla di applicazioni di messaggistica istantanea si pensa subito a tre nomi: Telegram, WhatsApp e Facebook Messenger. Ovviamente tutte e tre hanno dei pregi e dei difetti ma oggi esamineremo solo una di queste tre.

L’oggetto in questione della nostra analisi è Facebook Messenger; questa applicazione è molto usata, infatti si colloca ai primi posti del Play Store e consente alle persone che utilizzano Facebook di restare in contatto anche attraverso messaggi privati e diretti.

Quello che non tutti sanno è che codesta applicazione può essere utilizzata anche da chi non dispone personalmente di un account Facebook, grazie al fatto che il Messenger del gruppo ha una propria piattaforma web e quindi ci si può accedere indipendentemente dal browser.

Come usare al meglio questa applicazione

Al fine di rendere l’esperienza su tale chat istantanea più personalizzata, vi sono diversi accorgimenti che gli utenti possono adottare:

Leggi anche:  Facebook Messenger: drastico cambio della grafica con il nuovo aggiornamento

Le chat che si hanno con ogni utente possono essere personalizzate in vari modi, per esempio cambiando il colore della finestra, la quale può diventare verde, gialla, rosa e così via. Per poterlo fare è sufficiente cliccare sulla “i” in alto a destra e premere, poi, “cambia colore”.

Persino i nomi dei contatti possono essere modificati, grazie all’uso dei soprannomi; per poterli applicare, anche questa volta, basta recarsi nella “i” in alto a destra.

Nelle emojii prestabilite di Messenger vi è il pollicione blu che più lo si tiene cliccato, più diventa grande. Antiestetico? Bene, se non è di vostro gradimento, può essere modificato andando nei settaggi della chat e modificarlo con qualunque altra emoticon.

Disattivare le notifiche pop up è un passo in avanti se non si vogliono sempre ricevere messaggi e nuvolette improvvise.