il phishing non si ferma
PostePay è una carta molto sicura, sempre tutelata da Poste Italiane che non si ferma mai e si impegna al fine di proporre iniziative utili a rafforzarne la qualità ma il phishing non si ferma. La truffa online si divulga senza sosta ogni giorno e va a colpire gli utenti, possessori di carte prepagate, tramite email, SMS, WhatsApp e altri Social. I mezzi praticamente non mancano ai truffatori per diffondere il phishing né le idee in grado di ingannare le vittime.

La sicurezza di PostePay è unica ma il phishing minaccia gli utenti costantemente!

Sono proprio i messaggi inviati da questi criminali che riescono ad abbindolare gli utenti e dare il via alla truffa. A prescindere dal mezzo utilizzato per la diffusione le comunicazioni riguardano, nella maggior parte dei casi, la sospensione dei conti, il blocco della carta, un premio o un bonifico ricevuto. Esortano la vittima a fornire le sue credenziali e prelevano il denaro presente sulla carta. L’utente è invitato ad utilizzare un link già presente nella comunicazione per rinnovare i suoi dati. Ciò permette ai truffatori di riceverli ed utilizzarli per accedere al conto.

Leggi anche:  PostePay: le truffe arrivano tramite SMS ma gli hacker utilizzano anche Facebook

E’ così che agisce il phishing e sconfiggerlo è possibile soltanto diffondendo le precauzioni necessarie. La sicurezza della carta è relativamente coinvolta poiché l’inganno avrà luogo soltanto con il consenso, dato “inconsapevolmente”, dall’utente.  I clienti di Poste Italiane non devono assolutamente fornire le loro credenziali online, sui Social o attraverso link poco sicuri. Così le truffe possono essere evitate!

Poste Italiane però ha comunque provveduto al fine di tutelare i suoi clienti durante gli acquisti online, rilasciando una nuova app: Weldpay.