Perché le applicazioni arrivano prima su iPhone che su smartphone AndroidPer anni, le linee di sviluppo in iOS e Android sono state completamente diverse. Le applicazioni vengono sviluppate o aggiornate prima e con una qualità più elevata per iOS, ammettiamolo. Tuttavia, perchè ciò accade? Ovvero, perchè su Android le applicazioni arrivano sempre più tardi?

Oggi rispondiamo a questa domanda. Cerchiamo quindi di chiarire il motivo per cui gli utenti Android dovrebbero aspettare, anche se si tratta di un sistema operativo più aperto.

 

La frammentazione

I numeri su Android non sono buoni. Anno dopo anno, troviamo circa il 90% dei dispositivi senza l’aggiornamento all’ultima versione di Android. Al contrario, gli utenti iPhone di solito camminano verso cifre del 70% di dispositivi aggiornati. Per gli sviluppatori è molto più facile creare una versione dell’applicazione che dovrebbe funzionare in un paio di versioni di iOS, che adattano la sua app alle 3 o 4 versioni più utilizzate in Android.

Questa frammentazione non si riferisce solo al sistema operativo, ma al numero di dispositivi. Ci saranno sempre meno iPhone rispetto ai telefoni Android. Gli sviluppatori devono adattare le app agli strati di personalizzazione, i diversi formati di schermo, le peculiarità di alcuni produttori. Lo sviluppo per iPhone è molto più semplice e, come si suol dire, il tempo è denaro. Quindi, di solito vale di più sviluppare per questo sistema operativo.

 

Un pubblico disposto a pagare

Anno dopo anno, vediamo che gli utenti iOS pagano più applicazioni rispetto agli utenti Android. Siamo onesti con noi stessi: abbiamo sempre scaricato un APK, per evitare di pagare per l’applicazione che volevamo. In iOS, è molto più normale pagare per un’app, qualcosa che è anche strettamente legato alla qualità dello stesso.

In Android è estremamente facile hackerare un’applicazione. In iOS, il processo per ottenere un’app al di fuori del negozio ufficiale è complicato e noioso, a parte il fatto che la disponibilità degli utenti a pagare è molto più alta di quella degli utenti Android.
Sebbene la condivisione degli sviluppatori sia notevolmente più alta in iOS che in Android, nel sistema operativo di iPhone gli sviluppatori trovano più facile guadagnare denaro. Dunque, di solito ci fanno più sforzi per sviluppare app in questo sistema operativo.

 

Perché l’iPhone è l’iPhone

Sebbene i telefoni Android abbiano raggiunto i prezzi e la qualità dell’iPhone, continua a essere visto come un dispositivo esclusivo collegato allo status. Molti sviluppatori vedono in iOS il “posto migliore” per esprimere la propria creatività e creare un’applicazione, un livello di prodotto, per un livello di sistema operativo.

Leggi anche:  Android: 4 applicazioni gratuite solo per oggi, scaricatele subito per non perderle

Sappiamo tutti che Android è piuttosto casuale e che non sarà mai associato a uno status elevato. Sebbene si tratti di un puro costrutto sociale, è una realtà e le applicazioni hanno un aspetto più simile a iOS che ad Android.

 

Perché iOS è una piattaforma di sviluppo superiore

Nelle parole di alcuni sviluppatori, iOS consente agli sviluppatori di sviluppare – appunto – maggiormente la loro creatività, oltre al fatto che le linee guida di progettazione per le applicazioni su iOS sono molto più chiare. Android è troppo permissivo, ecco perché troviamo app con API obsolete, design Holo e instabilità.

Se confrontiamo l’App Store con il Play Store, ci mettiamo le mani nei capelli. L’Apple Store è praticamente una Newsletter, un catalogo dinamico che ci presenta e consiglia le applicazioni in modo molto visivo. Play Store è un grande supermercato, scaffali pieni di qualcosa di disordinato, tra i quali dobbiamo trovare noi stessi prodotti di qualità.
In iOS, tutte le applicazioni seguono la stessa linea di progettazione, devono essere ottimizzate per gli ultimi terminali e le versioni iOS dal loro lancio e il livello di richiesta in termini di qualità è molto più alto. Pertanto, le applicazioni sono di qualità superiore in iOS.

 

Perché le aziende pensano prima ad iPhone

Nintendo o Epic Games sono due aziende che hanno affermato chiaramente di voler pubblicare i loro giochi più popolari in iOS. Alcune altre aziende non sono interessate ad avere le loro applicazioni su Android, motivo per cui molte applicazioni di alta qualità trovate su iOS sono impossibili da scaricare su Android.

Ritorniamo su uno dei punti precedenti: un iPhone è un iPhone e, sfortunatamente, è ancora un riferimento per aziende e alleanze commerciali.

 

Cosa dovrebbe succedere per cambiare la situazione

Anche se la soluzione sembra un po’ distante, con il passare del tempo, Google potrebbe diventare una buona piattaforma per lo sviluppo. Perché la situazione cambi, almeno, la frammentazione per quanto riguarda le versioni del sistema operativo, dovrebbe diminuire. Questo è ciò che vogliono idee come Project Treble. Quindi, il tempo dirà se la situazione cambierà o no.

Per il momento, la situazione è quella che è. E anche se iPhone riceve le applicazioni prima, con un po’ di pazienza, gli utenti Android potranno godere dello stesso trattamento.