Galaxy S8
Il centro di ricerca e sviluppo software di Samsung ha dato il via al rilascio degli aggiornamenti mensili contenenti le patch di sicurezza Android di maggio 2018 per diversi smartphone. I dispositivi interessati sono Samsung Galaxy S8, Galaxy S8+Galaxy A8+Galaxy J1 mini Prime.

LEGGI ANCHE: Buoni da 1000 euro Samsung in regalo per tutti, il trucco per averli gratis

Si tratta rispettivamente di smartphone di fascia alta, media e bassa. L’aggiornamento che migliora la sicurezza dei due Galaxy S8 è partito dalla Cina mentre quello per Galaxy A8+ sta interessando l’India, il Nepal, lo Sri Lanka ed il Bangladesh. È disponibile solo nel mercato egiziano, invece, l’aggiornamento per Galaxy J1 mini Prime.

 

Samsung Galaxy S8, Galaxy S8+, Galaxy A8+ e non solo iniziano a ricevere le patch Android di maggio 2018

La patch di sicurezza Android del mese di maggio 2018 sono molto importanti. Si tratta di fix a sei vulnerabilità critiche proprio del sistema operativo mobile di Google che hacker e altri malintenzionati potevano utilizzare per prendere il controllo degli smartphone. A queste sei criticità si aggiungono altre vulnerabilità ad alto e moderato rischio.

Queste correzioni sono state sviluppate dagli informatici di Google che hanno poi passato l’aggiornamento agli sviluppatori Samsung. Quest’ultimi hanno rivisto le correzioni aggiungendo fix a sette vulnerabilità che riguardavano solo il software Samsung. A queste introduzioni non mancano mai i classici miglioramenti alla stabilità del sistema.

In più, secondo le note di rilascio ufficiali, lo stesso aggiornamento per Galaxy S8 introduce miglioramenti per l’assistente intelligente Bixby e per l’applicazione WeChat. Inoltre, è stato corretto un bug che poteva impedire il salvataggio delle foto nella galleria. Tutti e tre gli aggiornamenti possono essere scaricati ed installati dagli smartphone.

In Italia ma anche in Europa, le patch di maggio per i Galaxy in questione non sono ancora arrivate ma dovrebbero farlo entro questa settimana. Ad avvisare i possessori della disponibilità sarà direttamente lo smartphone attraverso una notifica. Altrimenti, è possibile forzare la ricerca accedendo alle impostazioni.