WhatsApp ha la vita dei giovani di oggi in un palmo di manoFacendo una media, si trascorrono più di 8 ore della nostra vita quotidiana davanti allo schermo del nostro smartphone, magari su Facebook, Instagram o Twitter. Le statistiche di alcuni device dicono che Spotify sia un’altra tra le applicazioni più usate. Ma, sicuramente, il posto d’onore sul podio della batteria esaurita, l’icona preferita è verde e risponde al nome di WhatsApp.

Le notifiche di WhatsApp sono le prime che si ricevono in un giorno normale: un messaggio audio di amici che vivono in un altro fuso orario, il meme di un cucciolo per iniziare la mattinata con una battuta, la conferma inopportuna di un collega, un messaggio dal gruppo creato dai boss per inviare ordini che saranno soddisfatti nel programma di lavoro della giornata.

Secondo le ultime ricerche, se siete in questo stato di cose, allora fate parte del 92,2% dei giovani, tra i 18 e i 35 anni, che di solito controllano il loro cellulare non appena si svegliano. Inoltre, fate parte del 76,6% che dà la priorità a WhatsApp senza aver fatto colazione. Le chiacchierate con amici, coppie, famiglie e colleghi hanno spostato il posto romantico e privilegiato che la mattina aveva la caffeina e, inoltre, quello che aveva il giornale tradizionale.

Leggi anche:  WhatsApp: il ritorno a pagamento è sicuro col nuovo messaggio, utenti infuriati

Tra passato e presente

Dieci anni fa, senza l’avvento degli smartphone, la comunicazione cellulare si concentrava sull’invio e sulla ricezione di informazioni testuali attraverso un servizio di messaggi brevi (SMS). La notizia era accessibile solo attraverso la carta, la televisione e, dopo aver acceso il computer, l’immacolata virtualità di un browser Internet.

Ora, avere WhatsApp è indispensabile per almeno il 44,2% dei giovani. L’applicazione diventa ancora più imprescindibile per le vite di chi ha superato i 25 anni e per le donne (il 48,8% di loro lo considera essenziale). La massima necessità di WhatsApp è di circa il 37% per coloro che non hanno ancora raggiunto quell’età. Per i ragazzi e le ragazze che appartengono alla fascia d’età tra i 26 e i 30 anni, WhatsApp è indispensabile per il 50%. Per gli over 30, il fabbisogno massimo è quasi del 49%.

In un mondo in cui un telefono cellulare può facilmente manipolare suoni e immagini, in cui è possibile ordinare cibo espresso senza la necessità di toccare lo sporco del denaro o di estrarre la carta dal portafoglio, come è possibile che un servizio di messaggistica così semplice sia diventato l’applicazione preferita dai ragazzi?