Qualcomm si prepara a lanciare due nuovi processori appartenenti alla serie Snapdragon: 710 e 730. I due chipset sono apparsi in Rete all’inizio di questa settimana, assieme alla relative caratteristiche tecniche.

Nella fattispecie, queste informazioni corrispondono a quanto comunicato dalla stessa Qualcomm in occasione del Mobile World Congress di quest’anno, allorquando il colosso di San Diego asserì che la serie Snapdragon 700 è destinata a colmare il divario tra i midrange SD 600 e la famiglia SD 800 – quella dei top gamma.

 

Qualcomm Snapdragon 700: prestazioni TOP e consumi irrisori

Partiamo con Snapdragon 730. Il chip sarà realizzato con processo produttivo a 8nm Low-Power Plus (LPP) di Samsung, finalizzato dalla coreana lo scorso ottobre. Rispetto alla soluzione a 10nm, il nuovo processo consente un consumo energetico fino al 10% inferiore e può contenere più transistor sulla superficie specifica; il che si traduce in più potenza, ovviamente.

Snapdragon 730 sarà il processore di fascia media più potente del chipmaker. In particolare, avremo una configurazione octa-core così organizzata: un cluster Kryo 4xx hexa-core settato a 1.8GHz e dotato di cache L2 da 128KB, coadiuvato da un cluster dual-core con clock a 2.3GHz.

Leggi anche:  Oppo R17 Pro: comparso il benchmark del dispositivo alimentato dallo Snapdragon 710

Snapdragon 710, invece, sarà costruito con processo LN a 10nm di Samsung, ma condividerà molte caratteristiche con la sua controparte più potente – inclusa la GPU Adreno 615 con clock 750 MHz e supporto ai display QHD HDR10.

Come SD 710, avrà una configurazione ad otto core, sebbene il clock sarà inferiore: i due core Kryo3xxx ad alte prestazioni sono settati a 2,2 GHz e dispongono di 256 KB di cache L2, mentre i restanti sei core hanno un clock a 1,7 GHz.

Entrambi i chip supporteranno la RAM LPDDR4x con velocità fino a 1.866 Mhz, fotocamere triple (immagini catturate contemporaneamente grazie all’inclusione di Spectra 250 ISP) o sensore singolo da 32 megapixel.

Non manca la compatibilità e il supporto alle memorie UFS 2.1, Bluetooth 5.0 e tecnologia Hexagon Vector eXtensions (HVX) per l’apprendimento automatico basato sull’intelligenza artificiale. Si prevede che la serie Snapdragon 700 di Qualcomm possa debuttare sui primi modelli di smartphone midrange entro seconda metà dell’anno.