Dopo aver presentato l’atteso e discusso G7 ThinQ, l’azienda coreana LG è al lavoro sul successo di Q6, smartphone midrange lanciato l’anno scorso. Il suo nome dovrebbe essere LG Q7, e potrebbe segnare l’addio di LG ai processori Qualcomm – almeno nella fascia media.

LG Q6 è stato lanciato in tre versioni, tutte basata sulla piattaforma mobile Snapdragon 435. Ora, voci di corridoio piuttosto affidabili hanno anticipato come il Q7 monterà si un processore MediaTek, ma non il tanto apprezzato Helio P60.

 

LG Q7: addio ai processori Qualcomm Snapdragon

Le informazioni inedite sono state diffuse dal solito @rquandt. In un tweet, il leaker conferma l’esistenza di LG Q7, altresì aggiungendo che lo smartphone sarà caratterizzato da un chipset MediaTek più vecchio e meno potente di Helio P60.

Esistono numerosi processori MediaTek di fascia media in grado di offrire prestazioni accettabili, e a nostro avviso il principale indiziato è Helio P23. Questo processore può gestire una dual camera da 13 megapixel o una singola fotocamera fino a 24 megapixel.

La sua architettura è di tipo Octa-core Cortex-A53 con clock a 2.3GHz. Non manca la tecnologia CorePilot 4.0 di MediaTek, la quale dovrebbe garantire una migliore autonomia e gestione termica.  Sul tema della connettività, Helio P23 offre supporto al dual SIM, con entrambe le SIM in grado di gestire contemporaneamente connessioni LTE: 300 megabit/s al secondo in download e 150 in upload.

Leggi anche:  Now TV disponibile per gli Smart TV LG con webOS, ma solo su queste versioni

Al momento, comunque, quando detto sono solo speculazioni non ufficiali. Del resto, non sappiamo praticamente nulla di LG Q7: non conosciamo la dimensione del display, le sue specifiche hardware e nemmeno il prezzo.

Ciò detto, alla presentazione del prodotto non dovrebbe mancare molto; inoltre, alcune fonti interne all’azienda hanno aggiunto che Q7 sarà affiancato da un altro modello chiamato Q7 Stylus (LM-Q710). Restiamo in attesa di maggiori informazioni, che non mancheremo di comunicarvi. Dunque, continuate a seguirci.