iPhone 2018iPhone 2018 sarà la nuova line-up che ci accompagnerà nel corso dell’anno a partire dal Keynote ufficiale, da volersi come di consueto in autunno. E benché manchi ancora tanto tempo prima della presentazione ufficiale si considerano già da ora i pareri di fonti illustri come KGI, che per l’occasione riferisce di importanti cambiamenti in ottica futura.

iPhone 2018: importanti cambiamenti in vista

A quanto pare iPhone 2018 non sarà soltanto destinata a cambiare nome ma secondo gli esperti analisti di KGI Securities introdurrà tangibili novità e cambiamenti inattesi che porteranno a considerazioni di un certo spessore per quanto concerne gli aspetti logico-costruttivi dei futuri terminali top di gamma.

Secondo quanto riferito pare che Apple possa abbandonare la tecnologia in-cell introdotta con iPhone 5 per le funzionalità 3D Touch che perderanno così la loro esclusività. 

Ming-Chi Kuo, in particolare, valuta l’adozione di un processo produttivo definito CGS (Cover Glass Sensor), attraverso cui si includeranno i sensori all’interno del vetro protettivo a garanzia di una maggiore solidità e resistenza agli urti rispetto alle soluzioni OGS (One Glass Sensor) e GFF (Glass Film Film) utilizzate anche in ambiente iPad Pro.

A ciò si fa corrispondere anche una componente che impatta in maniera meno marcata sul peso e garantisce il massimo delle performance visive. Questo comporta però un processo complesso che fa lievitare i costi del 15-25% rispetto ad un pannello di tipo tradizionale. Quest’ultima considerazione ha spinto Apple a considerare l’estromissione del 3D Touch per garantire un prodotto off-limit dal punto di vista del prezzo. Il costo sarebbe quindi da allinearsi a quello delle proposte attuali con tutti i vari ed eventuali benefici del caso.

Leggi anche:  iPhone 2018 da 6,1 e 6,5 pollici: ecco svelato il design finale

In aggiunta però, Kuo suggerisce anche che Apple possa applicare eventualmente una seconda pellicola dotata di sensori da aggiungere al modulo touch, con conseguente aumento del costo finale. Allo stato attuale si ignora il ruolo di tale integrazione ma l’idea è quella di una replica del 3D Touch.

Le novità espresse dall’analista nel suo report riguarderebbero il modello con schermo LCD da 6.1 pollici, anche se non è detta l’ultima parola. Sarà importante riuscire a capire se la società intenda o meno estromettere le feature 3D Touch dagli iPhone LCD. Una mossa simile, di fatto, potrebbe portare alla totale scomparsa della tecnologia anche per i modelli futuri. Voi che ne pensate?

Leggi Anche: Recensione iPhone 7