Samsung Galaxy S7 Edge

Samsung ha rilasciato l’aggiornamento ufficiale ad Android 8.0 Oreo per Galaxy S8, S8 Plus e Galaxy Note 8. In molti casi il rilascio deve ancora completarsi interessando tutti i product code dei dispositivi indicati ma non per questo gli sviluppatori del produttore coreano si sono fermati con il rilascio del major update.

LEGGI ANCHE: Galaxy S9 mini, il primo benchmark con Snapdragon 660, 4 GB di RAM e Android Oreo

A rivelarlo ci pensano le certificazioni rilasciate dalla Wi-Fi Alliance. Ogni volta che è disponibile un aggiornamento importante, sono necessarie nuove certificazioni. Pertanto, le stesse certificazioni possono essere tenute in considerazione come indicatori di un rilascio imminente dell’aggiornamento.

Dal rilascio di una certificazione all’inizio della distribuzione dell’aggiornamento solitamente passano alcune settimane; al massimo un mese. I Samsung Galaxy presi in esame sono diversi e in tutti i casi si tratta delle versioni internazionali, per intenderci quelle che vengono vendute anche nel nostro Paese.

Samsung Galaxy, ecco i prossimi che riceveranno l’aggiornamento ad Android 8.0 Oreo

I dispositivi in questione sono Galaxy S7 (SM-G930F), Galaxy S7 Edge (SM-G935F), Galaxy A5 2017 (SM-A520F) e Galaxy A3 2017 (SM-A320FL). Questi, dunque, dovrebbero essere i prossimi smartphone del produttore coreano che riceveranno Android 8.0 Oreo e quindi prestazioni migliorate, notifiche potenziate e tante altre novità.

I tempi di rilascio non li conosciamo ancora ma secondo le nostre previsioni possiamo affermare che entro il mese di aprile dovrebbero aggiornarsi Galaxy S7 ed S7 Edge. In un primo momento riceveranno l’aggiornamento solo alcuni Paesi, per poi la distribuzione estendersi almeno a tutto il vecchio continente.

Un mese più tardi, a maggio, dovrebbero aggiornarsi i modelli 2017 di Galaxy A5 e Galaxy A3. Anche questi sono degli smartphone particolarmente diffusi per cui sono in tantissimi ad aspettare con ansia l’arrivo di Android 8.0 Oreo. Anche se queste previsioni dovessero essere rispettate, non è detto che proceda tutto come da copione.

Samsung ad esempio ha dovuto bloccate il rilascio di Android Oreo per Galaxy S8 a causa di alcuni bug che minavano l’esperienza di utilizzo. Questo perché il lavoro di adattamento di una nuova versione software, specie se particolarmente corposa, è molto lungo e dispendioso.

FONTESamMobile