ASUS Zenfone 3

ASUS è pronta a rilasciare l’aggiornamento ufficiale ad Android 8.0 Oreo per altri tre smartphone. È quanto ha rivelato la divisione malese del produttore con un messaggio pubblicato su Twitter poi ripreso dai colleghi di The Android Soul. L’aggiornamento interesserà tre modelli di ZenFone 3 e sarà rilasciato entro la fine del mese.

LEGGI ANCHE: Huawei P20 Lite a 2 o 4 euro al mese con Wind: 10 GB di internet gratis

La società non ha rivelato quando partirà la distribuzione ma ha specificato che interesserà   ZenFone 3 Laser, ZenFone 3 Zoom e ZenFone 3 Deluxe. Questi non sono i primi modelli della serie zenfone che vengono aggiornati ad Android Oreo perché ASUS ha già rilasciato la più recente esperienza di utilizzo Android per ZenFone 3 e la versione Max.

ASUS ZenFone 3, la serie completa pronta a ricevere l’aggiornamento ad Android Oreo

Poiché alcuni smartphone ZenFone hanno configurazioni hardware diverse a seconda delle regioni, i nomi in codice dei modelli che verranno aggiornati entro i prossimi giorni sono i seguenti: Laser (ZC551KL), Zoom (ZE553KL) e Deluxe (ZS550KL). Se possedete uno di questi dispositivi, aspettatevi una ventata di novità e miglioramenti.

Nello specifico ci si aspettano miglioramenti alle prestazioni, che renderanno gli smartphone più veloci in accensione e nella gestione delle applicazioni, miglioramenti all’autonomia della batteria che durerà di più, novità per le notifiche, la modalità picture in picture e altre ottimizzazioni portate avanti direttamente da ASUS.

Leggi anche:  Galaxy A8 2018, l’aggiornamento ad Android 8.0 Oreo arriva in Italia ma non per tutti

L’aggiornamento verrà notificato tramite OTA per cui è bene iniziare a prepararsi al suo arrivo eliminando applicazioni ma anche file, immagini e video che non utilizziamo o di cui possiamo fare a meno. È una procedura che vi consigliamo per accogliere nel migliore dei modi Android 8.0 Oreo ed il suo changelog corposo.

Per quanto riguarda il download e l’installazione, invece, vi consigliamo di forzare la ricerca di nuove versioni software dalle impostazioni dedicate agli aggiornamenti. Per farlo è necessaria la connessione WiFi attiva mentre l’installazione è meglio farla solo con la batteria carica o connessa al caricabatterie.

Naturalmente i primi che riceveranno l’aggiornamento saranno i modelli No-Brand, ovvero quelli privi di personalizzazioni software che sono soliti applicare gli operatori telefonici. Per quest’ultimi, infatti, la distribuzione potrebbe partire anche dopo la fine del mese di marzo.