Vero, il nuovo social network controverso con un passato oscuroIl nuovo algoritmo di Instagram non mostra le pubblicazioni in ordine cronologico, ma per classifica. Questo nuovo cambiamento ha sconvolto gli utenti che hanno deciso di provare altre opzioni. Una di queste è un social network di quasi 3 anni che quasi nessuno usava fino alla scorsa settimana. E non era gratuito.

Il nome di questo “nuovo” social network è Vero. Come Instagram, Vero ti consente anche di scattare e pubblicare foto. Il pubblico è cosplayer, ed apprezza che l’applicazione permetta di ingrandire le foto, cosa che con Instagram non è così facile da fare.

Oltre alle foto, Vero consente anche di pubblicare link, posizione o consigli per film, libri e musica. Esistono controlli per scegliere quali possono essere condivisi e chi viene seguito, ed è possibile fare una distinzione tra “amici intimi” e “seguaci”. Puoi anche scegliere quali categorie di pubblicazioni vedere e si può seguire qualcuno solo per le sue raccomandazioni musicali, per esempio. L’applicazione include anche funzioni di chat e commenti, simili a quelli trovati in qualsiasi altro social network.

Abbiamo voluto a costruire qualcosa che potesse rappresentare più di una singola caratteristica“, ha spiegato Ayman Hariri, l’amministratore delegato della società la cui applicazione ha avuto solo 1500 download fino alla settimana scorsa e ora ne conta 3 milioni. “Volevamo che fosse un’estensione del come si vuole esprimere se stessi“. Limitando il pubblico ai post degli utenti, Vero spera di incoraggiare un tipo di scambio meno socialmente carico. In altre applicazioni social, infatti, si “agisce per la folla“, ha detto Hariri. “La ricerca dimostra che le persone sono sempre più influenzate negativamente dal doverlo fare sempre. Volevamo creare un social network online che avrebbe permesso di essere se stessi”, ha aggiunto.

Non tutto è così “Vero”

La valanga di nuovi utenti ha portato le sue complicazioni. Innanzitutto, i server non erano pronti a ricevere così tante persone e questo ha rallentato l’utilizzo dell’app. Quindi, le interfacce non sono così intuitive e questo ha causato disagio ai nuovi utenti. Inoltre, Vero richiede un numero di telefono e un’email per effettuare la registrazione, il che solleva sospetti non solo di spam, ma problemi di privacy.

 

Infine, il nuovo social network ha anche uno stretto rapporto con la Russia. La maggior parte dei suoi ingegneri proviene da questo paese e i fratelli di Ayman sono legati al presidente russo, il cui governo – si sospetta – ha commesso non solo violazioni dei diritti umani contro i dissidenti, ma ha interferito nelle elezioni di altri Paesi. Compresi gli Stati Uniti.