Apple Watch

Apple Watch è lo smartwatch più venduto in assoluto, ma l’interesse della concorrenza verso questa tipologia di dispositivi sembra essere scemata in luogo di quelli che sono i report rilasciati stamane da IDC nel prospetto dell’analisi comparativa di vendita e di mercato.

Apple Watch cresce, la concorrenza arranca

Apple Watch Series 3 ha suscitato l’interesse di tutti facendo registrare un considerevole aumento delle sue vendite nel segmento di mercato wearable dei device intelligenti. Rispetto al 2017 la crescita generale si è assestata ad un +10.3%, con un aumento medio dell’interesse del 7.7% nell’ultimo trimestre dello stesso anno. Ad ogni modo, si è ben lontani dalle soglie fatte registrare in un 2016 che aveva visto un incredibile +27.3%. La situazione descrive ora uno scenario ben preciso.

La rimodulazione del tasso di crescita si deve allo scarso interesse della concorrenza per un mercato che, al momento, vede solo pochi eletti a contendersi i podi delle classifiche internazionali del settore. Apple non ha rivali e vede da lontano realtà come FitBit, Xiaomi e Garmin, che pur si sono garantiti un ampio margine di mercato. Il market share per Apple è del 15.3% su base annua (periodo di riferimento: 2017).

Il massimo esponente del successo della compagnia di Cupertino è senza ombra di dubbio l’ultima proposta Apple Watch 3, ben vista da quegli utenti che vogliono lasciare a casa il proprio smartphone in luogo dell’integrazione LTE Connection prevista nativamente sull’indossabile. Sono 8 milioni le unità vendute nell’ultimo trimestre e ben 7,7 milioni nel corso del 2017, dati in crescita rispettivamente del 57,7% e 55,9% rispetto a quelli 2016.vendite smartwatch Apple 2017

Xiaomi e FitBit occupano rispettivamente secondo e terzo posto sul podio. Xiaomi, in particolare, rispecchia un andamento lineare delle vendite rispetto al periodo precedente, mentre FitBit collassa al -31.6% passando da 22,5 milioni di unità a 15,4 milioni. Riuscirà FitBit a indurre un dato in controtendenza? Lo scopriremo.

Bene, invece, Garmin e Fossil che crescono prepotentemente. Fossil, nello specifico, è cresciuta del 133% su base annua, passando da 2.1 milioni di unità spedite a 4.9 milioni. Ciò si deve, in particolare, ad un catalogo molto diversificato di prodotti che contano anche su soluzioni ibride di eccellente fattura. Garmin, dal canto suo, ha concluso un Q4 2017 in positivo, con una crescita del 4,7%.

Infine, abbiamo Huawei che non entra a far parte delle prime 5 classificate in lizza per il podio di miglior vendor di smartwatch. Ciononostante, la società cinese cresce del 93,2% nel periodo Q4 2017 rispetto allo stesso periodo del 2016.

Il 2017, dunque, ha visto una netta presa di posizione da parte di Apple, la quale ha letteralmente schiacciato i rivali di un mercato decisamente troppo piatto per regalare emozioni. saremo destinati a portarci all’estinzione degli indossabili intelligenti così come oggi li conosciamo, così come sta avvenendo di fatto anche per i tablet Android? Confidiamo nel fatto di poter vedere anche nuove soluzioni pieghevoli, come quelle prospettate da Samsung con i suoi ultimi brevetti.