Il social network che negli ultimi anni è diventato quasi più famoso di Facebook, soprattutto tra i giovani, viene continuamente aggiornato, come giusto che sia. L’ultimo aggiornamento si incentra su una nuova funzione dedicata agli hashtag. L’idea è quella di rendere i post più importanti, così come le storie, presenti nella propria home page.

Come funziona

Per i creatori la nuova funziona dovrebbe aiutare evitandoci una tediosa ricerca nella scheda esplora. Non importa chi abbia pubblicato un post, ma se è popolare lo vedremo automaticamente. Questo cambiamento ha il potenziale per aiutare l’utenza a guardare oltre al proprio cerchio d’amicizia per immergersi più profondamente nella comunità del social network.

La funzione si presenterà da oggi a tutti gli utenti sotto forma di un pulsante “Segui” sotto le pagine degli hashtag dopo essere stata testata per tutto il mese scorso.

La nuova funzione obbliga Instagram a mettere in piedi filtri più intelligenti per impedire che i contenuti discutibili o lo spam vengano distribuiti attraverso l’hashtag. Un sistema del genere potrebbe far ingolosire le principali aziende che sfruttano le pubblicità, ma per il momento non hanno ancora deciso niente in merito.

Leggi anche:  Instagram: alcuni consigli per diventare popolare sulla piattaforma

A detta dell’azienda i migliori hashtag vengono scelti dal proprio algoritmo in base a fattori come quello della qualità e della novità. Il sistema farà in modo di evitare che qualcuno sfrutti hashtag famosi e in più l’utente avrà la possibilità di bloccare quelli indesiderati. Il sistema di protezione interno oltre ad essere affidato a dei processi automatici sarà anche accompagnato da supervisione umana. Un team di centinai persone monitoreranno gli utenti e i report.

Come con la sua creatura principale, questa è un’altra mossa da parte di Facebook per far interagire gli utenti al meglio. Come coi gruppi di Facebook tutto questo permette una personalizzazione migliore così da vivere un’esperienza più gradevole e per allargare la propria finestra sul mondo, seppur virtuale.