nasa
7 pianeti extrasolari simili alla Terra

La NASA ha annunciato in queste ore una grande scoperta extrasolare. Un team internazionale di astronomi ha riferito, infatti, l’esistenza di sette pianeti extrasolari delle dimensioni della Terra che orbitano intorno a TRAPPIST-1, una stella nana e ultrafredda – poco più grande di Giove e 40 anni luce lontana da noi, situata nella costellazione Acquario.

I sette pianeti hanno temperature (tra 0 e 100 ° C), abbastanza basse da consentire la presenza di acqua liquida sulla loro superficie“, hanno reso noto gli autori, la cui scoperta rende questo sistema planetario uno dei migliori candidati per la ricerca di vita al di fuori del nostro sistema solare. E tre di questi mondi sarebbero stati localizzati nella zona abitabile della stella e potrebbero ospitare oceani di acqua.

Il prossimo passo sarà rilevare e misurare l’atmosfera di questi pianeti, un compito nel quale saranno coinvolti squadre provenienti da tutto il mondo“, anticipa Sinc Didiier Queloz, co-autore e ricercatore presso l’Osservatorio di Ginevra, che spiega: “Le nane ultrafredde -molto comuni nella Via Lattea, con pianeti rocciosi in transito – sono gli unici dei quali abbiamo bisogno di studiare le loro atmosfere“.

TRAPPIST-1 è il primo obiettivo, ma si spera che altri sistemi planetari simili dimostrino di abbastanza frequenti nel cosmo. “Se questa impostazione è comune, la nostra galassia potrebbe essere piena di pianeti come la Terra“, hanno affermato gli esperti.

Il TRAPPIST-1 stella è la dimensione di Giove, molto più piccola del nostro Sole. Essi mostrano la scala a tre, con i suoi pianeti o lune e periodi orbitali. / Ignas AG Snellen / Natura

La scoperta attuale è il risultato di uno studio precedente. Nel mese di maggio 2016, il ricercatore Michael Gillon dello STAR Institute presso l’Università di Liegi, in Belgio, e il suo team hanno annunciato l’individuazione di tre esopianeti attorno la stella TRAPPIST-1. Motivati ​​da questa scoperta, gli autori hanno organizzato un monitoraggio globale grazie ai telescopi terrestri e spaziali per rilevare i transiti dei pianeti davanti alla loro stella, la cui luminosità è indebolita leggermente ogni volta che questo accade.

TRAPPIST e il telescopio Spitzer

Oltre alla TRAPPIST, due telescopi (il principale quello del Cile e un altro in Marocco), sono stati usati in questa scoperta. Oltre all’UKIRT nelle Hawaii, il SAAO in Sud Africa, l’HST in India, il VLT dell’Osservatorio europeo meridionale in Cile, il telescopio Hubble e, soprattutto, il telescopio spaziale Spitzer, il grande osservatorio a raggi infrarossi della NASA.

Con tutti questi strumenti, si è stati grado di identificare i segni dei sette pianeti attorno a TRAPPIST-1 (etichettati come b, c, d, e, f, g ed h) e alcune delle loro caratteristiche, come la dimensione. Si è scoperto che questo sistema è quello che ospiterebbe più pianeti simili alle dimensioni della Terra. I più grandi sono G e B (10% in più del nostro), mentre i più piccoli sono del 25% in meno).

I loro periodi orbitali sono 1.51, 2.42, 4.04, 6.06, 9.1 e 12,35 giorni, rispettivamente, dall’interno all’esterno. Può sembrare un breve periodo di tempo, ma occorre tenere presente che la stella è della stessa dimensione di Giove, dunque molto più piccola del nostro Sole e la sua attrazione è anche molto più bassa. Ecco perchè i pianeti impiegano poco tempo per completare la loro orbita.

Per quanto riguarda la loro composizione, gli scienziati pensano che questi pianeti extrasolari – almeno sei di questi – siano rocciosi e con una massa simile alla Terra. Inoltre, essi si trovano in zone temperate. Il fatto che TRAPPIST-1 sia una stella implica che l’energia che fornisce ai suoi pianeti è simile a quella ricevuta a quella del nostro sistema solare. Infatti, c, d ed f ricevono quantità simili di energia a quelle di Venere, Terra e Marte.

I sette pianeti potrebbero avere acqua allo stato liquido sulla loro superficie, anche se le loro distanze orbitali rendono questo più probabile questa presenza in alcuni anziché in altri. I modelli climatici suggeriscono che il più interno (b, c e d) sono probabilmente troppo caldi per l’acqua liquida, tranne qualche piccola parte delle loro superfici.

Tuttavia, i pianeti TRAPPIST-1 e, f, g rappresentano il santo Graal per i cacciatori di pianeti e gli astronomi.

La vita extrasolare

Questi risultati rendono questo sistema planetario una priorità per gli studi delle atmosfere degli esopianeta e della vita extrasolare. Gli scienziati sperano che la prossima generazione di telescopi, come l’E-ELT European Southern Observatory in Cile e il futuro James Webb Space Telescope permettano di confermare la presenza di acqua in queste esopianeti. Finora, Hubble ha già cominciato ad analizzare le loro atmosfere.

Si tratta di un sistema planetario davvero emozionante, non solo perché abbiamo trovato così tanti pianeti, ma perché sono tutti molto simili per dimensioni alla Terra!“, insiste Gillon, pur riconoscendo che le osservazioni supplementari saranno necessarie per caratterizzare a fondo questi mondi, in particolare il settimo External, il cui periodo orbitale e l’interazione con il resto “dei suoi compagni” non è ancora ben compreso. Le sorprese che potrebbe serbare il sistema TRAPPIST-1 non hanno appena iniziato.

articolo originale qui.