Il clima influenza il rischio di contrarre

Le temperature estremamente calde e fredde aumentano il rischio di morte tra le persone con malattie cardiovascolari, secondo una nuova ricerca.

I problemi cardiaci causati da arterie cardiache ristrette, ictus, insufficienza cardiaca e aritmia, sono collegati a un eccesso di morti per temperature estreme, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Circulation dell’American Heart Association.

La notizia arriva in un momento in cui il nostro paese sembra spaccato in due, un’ondata di freddo sta colpendo il Nord, ma è sereno in gran parte del paese.

Barrak Alahmad, ricercatore dell’Università di Harvard, ha dichiarato: “Il calo dei tassi di mortalità cardiovascolare dagli anni ’60 è un enorme successo di salute pubblica poiché i cardiologi hanno identificato e affrontato fattori di rischio individuali come tabacco, inattività fisica, diabete di tipo 2, ipertensione e molti altri. La sfida ora è capire ciò che l’ambiente potrebbe riservarci in futuro“.

I ricercatori hanno capito come le temperature estreme possono influenzare le malattie cardiache, la principale causa di morte a livello globale. Hanno analizzato i dati sanitari per oltre 32 milioni di decessi cardiovascolari verificatisi in 567 città in 27 paesi in cinque continenti tra il 1979 e il 2019.

Il cambiamento climatico è associato a sostanziali oscillazioni di temperature estremamente calde e fredde, confrontando le morti cardiovascolari nel 2,5% dei giorni più caldi e più freddi per ogni città con le morti cardiovascolari nei giorni che avevano una temperatura ottimale (la temperatura associata alla minima tassi di mortalità) nella stessa città.

Un problema serio

Per ogni 1.000 decessi cardiovascolari, i ricercatori hanno scoperto che i giorni estremamente caldi rappresentavano 2,2 decessi aggiuntivi, mentre i giorni estremamente freddi rappresentavano 9,1 decessi aggiuntivi.

I ricercatori suggeriscono che potrebbero essere necessari sistemi di allarme mirati e consigli per le persone vulnerabili per prevenire le morti cardiovascolari durante le temperature estreme.

“Dobbiamo essere al passo con il clima di oggi. In tali dichiarazioni, potremmo fornire più indicazioni agli operatori sanitari, nonché identificare lacune nei dati clinici e priorità future per la ricerca“, ha aggiunto Alahmad.

La sottorappresentazione dei dati provenienti dall’Asia meridionale, dal Medio Oriente e dall’Africa limita la capacità di applicare questi risultati per fare stime globali sull’impatto delle temperature estreme sulle morti cardiovascolari.

È necessario ulteriore lavoro per definire meglio queste relazioni in un mondo che dovrà affrontare i cambiamenti climatici in tutto il mondo negli anni a venire, soprattutto per quanto riguarda l’impatto di questi cambiamenti ambientali collegato alle malattie cardiache“, ha affermato Robert A Harrington. , l’ex presidente dell’American Heart Association.

FONTEnews.yahoo
Articolo precedenteItalia stringe sulle criptovalute, saranno tassate del 14%, ma non cambia solo questo
Articolo successivoCristalli del tempo trovati all’interno di un giocattolo per bambini
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it