waze

Sono diversi i navigatori che possiamo utilizzare oggi, ma uno di quelli che ha sicura una marcia in più è senza ombra di dubbio Waze. Il popolarissimo navigatore di proprietà di Google andrà molto presto ad implementare un ottima funzione che consentirà ai conducenti che la usano di identificare immediatamente le strade pericolose dove si sono verificati più incidenti in passato. Andiamo subito a scoprire di seguito maggiori dettagli a riguardo.

 

 

Waze, strade pericolose e rischio di incidenti praticamente azzerato

Questa indicazione è emersa direttamente dal portale Geektime, che nella versione beta del popolare navigatore di Big G ha subito individuato una nuova funzione che avviserà i suoi utenti che una determinata strada è pericolosa e a rischio incidenti mediante i dati della community (come accade di consueto per quest’app). Come si vede dall’immagine in basso, queste strade saranno marchiate di rosso, in modo da allertare subito il conducente.

Chiaramente abbiamo anche la possibilità di attivare e disattivare questi avvisi in ogni momento dalle Impostazioni dell’app. Inoltre, sempre qui, sarà possibile effettuare l’attivazione di una nuova funzionalità chiamata “cronologia degli incidenti”.

Allo stato attuale non è ancora disponibile per quanto tempo sarà ancora in beta. Quindi, non è ancora stato definito quando vedrà la luce e se verrà effettivamente lanciata; stessa cosa riguarda la metodologia di cui si servirà l’algoritmo di Waze per rilevare un pericolo.

Quello che ancora si deve capire se c’è un numero di segnalazioni utile per far sì che quella determinata strada venga indicata come pericolosa e quindi marchiata di rosso. Senza ombra di dubbio una funzione del genere sarebbe utilissima per evitare moltissimi incidenti.

Articolo precedenteIn che posizione della Terra si trovava la vostra casa ai tempi dei dinosauri?
Articolo successivoIllusione ottica, solamente l’1% trova questi due soggetti
Christian Savino
Christian, 24 anni. Appassionato di tecnologia e musica da sempre. Autore per TecnoAndroid dal 2019.