salute mondiale

La salute mentale in tutto il mondo ha continuato a diminuire nel 2022, ma non così drammaticamente come nel 2020. Questo è il risultato cruciale del 3° rapporto annuale sullo stato mentale del mondo (RSU) ricercato da Sapien Labs.

Nel 2020, guidato principalmente dalla pandemia di COVID-19, il rapporto ha registrato un calo dell’8% della salute mentale e del benessere medio tra i partecipanti. Nel 2021, il calo è continuato ma è stato più lento al 3%. Il declino è stato ancora una volta influenzato dalle misure di COVID-19, come i blocchi e il distanziamento sociale, ma il rapporto ha anche trovato una correlazione direzionale tra il declino della salute mentale e i decessi e i casi di COVID-19.

Molti hanno affermato che i messaggi poco chiari dei governi in merito alla pandemia, la mancanza di supporto per gli individui siano stati dei gravi passi falsi che hanno portato a questo.

Il rapporto non si spinge fino a stabilirlo, ma rileva che il successo economico di un paese sembra essere correlato negativamente all’indice di salute mentale. I dati forse suggeriscono che quando i nostri sistemi economici funzionano, promuovono la disuguaglianza e incoraggiano lo sfruttamento, creando peggiori risultati per la popolazione in generale.

I peggiori esiti sono stati nella Core Anglosphere (Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Irlanda, Australia, Nuova Zelanda) e in Sud Africa, mentre i sondaggi nei paesi dell’America Latina e dell’Europa continentale hanno avuto il miglior benessere mentale in generale. Le persone nella Core Anglosphere ottengono il punteggio più basso quando si tratta di Social Self.

I giovani in difficoltà

E la generazione più giovane sembra essere quella più colpita dal declino. Solo il 7% delle persone di età pari o superiore a 65 anni ha problemi di salute mentale compresi tra “angoscia” o “rabbia” rispetto al 44% dei giovani.

Quando si guarda al divario di genere, gli uomini tendono ad avere il benessere più elevato. Il divario tra uomini e donne è descritto come piccolo ma persistente, con la differenza più alta in America Latina e la più piccola nella Core Anglosphere.

“Quest’anno, i risultati ci hanno onestamente sorpreso. È la prima visione dell’entità delle differenze nel benessere mentale tra i gruppi di età, i generi e i paesi. Nel complesso, i risultati sono stati sorprendenti e ci hanno lasciato riflettere sul fatto che forse i nostri sistemi di crescita economica, i valori dell’individualismo e il passaggio dall’interazione di persona a quella prevalentemente digitale promuovono un ambiente di scarso benessere mentale. Questi dati chiariscono che, per nutrire lo spirito umano, abbiamo bisogno di un nuovo paradigma“, ha affermato in una nota Tara Thiagarajan, fondatrice e capo scienziato di Sapien Labs.

FONTEiflscience
Articolo precedenteBonus, 150 euro in arrivo a novembre: ecco come riceverli
Articolo successivoiPhone 15, il design potrebbe includere alcuni dettagli dell’iPhone 5C
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it