Come cambierà il mondo degli influencers con l’arrivo del Metaverso

Un termine nato dalla fantascienza, “il metaverso” è ora il prossimo grande fenomeno tecnologico. È stato persino descritto come il futuro di Internet.

Il termine descrive una rete di mondi virtuali condivisi che utilizzano software 3D in tempo reale. Attualmente, gli utenti possono partecipare a riunioni di lavoro virtuali, concerti e conferenze; acquistare immobili; progettare un avatar digitale; acquistare e vendere NFT e prodotti virtuali e reali; e altro ancora. Insieme alla portata in espansione del metaverso, si prevede che il suo mercato sarà un’industria da 800 miliardi di dollari entro il 2024.

Data la sua prevista crescita a due cifre, il metaverso rappresenta un’opportunità per i marchi di capitalizzare ed esplorare nuovi mezzi per il coinvolgimento dei consumatori. L’influencer marketing è una strategia mediante la quale i marchi possono accedere al pubblico di destinazione all’interno del metaverso. Il mercato degli influencer è attualmente un’industria da 13,8 miliardi di dollari, e i marchi dovrebbero spendere fino a 15 miliardi di dollari all’anno per il marketing degli influencer fino al 2022.

Come funzionano le collaborazioni

Le collaborazioni tra marchi e influencer spesso prendono la forma di post sui social media sponsorizzati, regali di prodotti e acquisizioni sui social media. Sebbene queste strategie siano un modo efficace per un marchio di stabilire una presenza con il seguito di un influencer, non garantiscono il coinvolgimento del pubblico. All’interno del metaverso, gli influencer possono collaborare con i marchi per creare esperienze 3D completamente coinvolgenti.

Ad esempio, oltre a pubblicare un video di allenamento nell’abbigliamento sportivo di un marchio, un influencer può invitare i propri follower a partecipare a un allenamento virtuale nel metaverso. Questo tipo di collaborazione aumenta anche l’efficienza del marketing incanalando gli sforzi promozionali verso i follower più attivi di un influencer.

Nuove strutture di monetizzazione

I creatori di contenuti possono aumentare il loro valore per il pubblico ospitando esperienze virtuali immersive. Gli NFT, o token non fungibili, consentono a influencer e marchi di monetizzare questi sforzi di collaborazione. Simile a Gary Vee, i cui VeeFriends NFT collezionabili fungono anche da biglietti per la sua conferenza annuale su Web3, gli influencer possono offrire ai follower l’accesso a eventi brandizzati utilizzando NFT.

Utilizzati in questo modo, questi token unici generano entrate sia per il marchio che per l’influencer, contribuiscono all’immagine del marchio e fanno sentire i clienti inclusi in un’esperienza esclusiva.

Influencer virtuali

Mentre il metaverso rimodellerà sicuramente le collaborazioni tra brand e influencer, vedrà anche l’ascesa di un nuovo tipo di influencer, uno che non è umano. Gli influencer virtuali sono avatar generati dal computer che sembrano umani.

Influencer come Lil Miquela, un avatar digitale con 3 milioni di follower su Instagram, sono in circolazione dal 2016 e il mercato di questi meta-influencer è in crescita.

Marchi come Calvin Klein, Balmain e Samsung hanno collaborato con influencer digitali esistenti, ma ora i marchi stanno iniziando a debuttare con i propri rappresentanti virtuali. Prada, ad esempio, ha rilanciato il proprio ambasciatore digitale, Candy, per l’uscita della sua collezione Primavera/Estate 2021. L’influencer CGI di Yoox, Daisy, modella i suoi vestiti su Instagram dal 2018.

FONTEforbes
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it