Quest’anno BenQ ha presentato il suono nuovo proiettore portatile di alta qualità, il GS50. Ha un bel design e tante specifiche tecniche interessanti. Noi lo abbiamo in prova da più di un mese e adesso siamo pronti a parlarvene.

Design e materiali:

Il BenQ GS50 è un proiettore da un bell’aspetto con un corpo compatto (186 x 154 x146 mm) bianco e verde. Le griglie in plastica arancione per gli altoparlanti integrati sono incastonate su ciascun lato con una maniglia in finta pelle a sinistra e una copertura per gli ingressi a destra. C’è un cavalletto telescopico che si può attivare da un pulsante posto sul fondo per inclinarlo ad angolo e un foro filettato per montarlo su un supporto come per esempio un treppiedi.

Sul retro c’è uno sfiato per la ventola di raffreddamento interna e una griglia per il woofer a bassa frequenza, oltre a una porta di ricarica a barilotto CC.

Il BenQ GS50 è “a prova di schizzi” con una certificazione IPX2. Ciò non significa che lo potate usare sotto la pioggia, anche se è solo una leggera pioggerella, ma è una sicurezza in più. Il coperchio superiore per il dongle Android TV ha anche una guarnizione che lo protegge e BenQ afferma che le porte laterali per l’altoparlante hanno una pellicola di qualche tipo all’interno per ridurre i danni causati dall’acqua. È anche presumibilmente “a prova di caduta” fino a circa 70 cm, una caratteristica importante per un proiettore portatile.

 

Inoltre viene fornito con una custodia in nylon con cerniera che ha spazio per cavi extra o altri piccoli gadget. La borsa è bella esteticamente, ma soprattutto è di buona qualità e protegge bene il vostro proiettore.

Connettività:

Le opzioni di connettività qui includono Wi-Fi a 2,4 e 5 GHz e Bluetooth 4.2, quindi potete connettervi a qualsiasi rete o accoppiarlo con altri dispositivi come una soundbar o una tastiera. C’è anche una modalità solo audio che potete usare, che trasforma il proiettore in un altoparlante Bluetooth.

Le porte sul dispositivo sono una di ciascuna per USB Type-C, HDMI, USB Type-A e un jack di uscita audio da 3,5 mm. Inoltre, come accennato prima, sulla parte superiore trovate un’altra porta HDMI per il dongle Android TV, sotto il coperchio.

Qualità dell’immagine:

BenQ GS50 rispetta quanto pubblicizzato, ovvero 500 ANSI lumen e una risoluzione nativa di 1080p, ed è esattamente quello che ottenete.

Dal software, potete richiedere una risoluzione fino a 4K o un’immagine a 480p, ridimensionando o aumentando secondo necessità per adattarsi alla risoluzione di 1080p. In definitiva, sta a voi decidere se 1080p è adatto alle dimensioni dell’immagine di cui avete bisogno. Abbiamo passato la maggior parte del tempo a usarlo nella gamma 65-80″ e abbiamo trovato l’immagine nitida dato il prezzo e il caso d’uso, ma ovviamente meno nitida di una TV 4K domestica di dimensioni simili.

Non abbiamo notato alcun ritardo sostanziale o fastidioso tra l’immagine e l’audio durante l’utilizzo delle app integrate, come a volte accade con i proiettori. BenQ afferma che la latenza di input è di circa 22 ms. Supporta il colore a 24 bit e diventa abbastanza luminoso per HDR10/HLG.

Potreste essere tentati di attivare la modalità immagine “luminosa” per ottenere un’immagine più grande, ma non innamoratevi. La qualità dell’immagine in quella modalità è sgargiante e colorata di verde, ma tecnicamente è la modalità più luminosa offerta dal proiettore. Troviamo che la modalità immagine “cinema” sia il miglior equilibrio tra luminosità e colore per la maggior parte dei contenuti e, per il mio occhio non dotato di colorimetro, è la modalità più ben calibrata. La modalità “luce diurna” è solo un po’ più luminosa durante l’uso diurno, ma i colori diventano molto saturi. Anche l’uniformità della luminosità nell’immagine proiettata è abbastanza buona ad occhio nudo.

Tra le poche cose che ci hanno infastidito dell’immagine è uno sfarfallio leggermente fastidioso quando rileva il contenuto video HDR in riproduzione e regola il display per adattarlo meglio, ma ciò accade solo quando si attiva all’inizio, non è un continuo problema durante la riproduzione.

Audio:

Il suono tramite il sistema di altoparlanti 2.1 (10 W di bassi più 2x 5 W per gli altoparlanti) è sorprendentemente forte senza essere metallico o rimbombante, proiettandosi a riempire bene lo spazio. L’audio è sorprendentemente privo di distorsioni anche nelle situazioni più spinte.

Il suono viene diffuso a 270° per offrire un audio avvolgente, con bassi profondi e medi e alti ricchi di dettagli, anche grazie al lavoro del DSP, che fa lavorare i tre altoparlanti in modo coordinato.

Software:

Sebbene la funzionalità di Android TV sia tecnicamente separata dall’hardware del proiettore stesso, il telecomando in dotazione controlla sia il proiettore che il dongle, il che è conveniente e sembra funzionare in modo affidabile anche senza la linea visiva a infrarossi. Il telecomando accetta l’input vocale per i comandi, anche se può essere un po’ lento catturarli ed elaborarli rispetto ad altri dispositivi Android TV più recenti.

Ci sono pulsanti separati per il menu delle impostazioni di Android TV e le impostazioni integrate del proiettore. A differenza di un Android TV autonomo che potreste aver già utilizzato, settings come le opzioni di luminosità e colore risiedono al di fuori di Android TV. C’è anche un pulsante dedicato per Prime Video di Amazon e un altro per accendere il canale FamiLand Kids di BenQ, di per sé nient’altro che uno scraper YouTube a tema per bambini, a quanto pare.

Se avete già utilizzato Android TV, dovreste avere familiarità con questo sistema. Avete lo schema di navigazione Android standard con un pulsante Home e Indietro, un menu per le impostazioni, la possibilità di mantenere in esecuzione più app e la possibilità di scaricarne e installarne di nuove secondo necessità.

Sono disponibili quasi tutte le app che vi aspettereste di avere su Android TV o su un dispositivo di streaming, come Hulu, Amazon Prime Video, Disney+, HBO Max e servizi ancora più di nicchia come The Criterion Channel. Sfortunatamente, le viscere di Android TV del proiettore non sono compatibili con Netflix per qualche motivo. Il metodo autorizzato da BenQ per godersi Netflix è trasmetterlo da qualcosa come il vostro laptop: in altri mercati, BenQ dice direttamente ai clienti di caricare Netflix da una fonte non ufficiale come Aptoide TV.

Una delle cose che ci preoccupava durante il test del proiettore era quanto potesse essere noioso il processo di configurazione: determinare la messa a fuoco, allineare con precisione le impostazioni della distorsione trapezoidale per un’immagine quadrata, ecc. Fortunatamente quasi tutto questo può essere automatizzato. C’è anche una funzione di spegnimento automatico se qualcosa si avvicina troppo alla luce proiettata. Va bene se avete bambini curiosi o animali domestici curiosi che potrebbero guardare troppo vicino al raggio.

Batteria e autonomia:

Usandolo di notte a un livello di luminosità mediocre, abbiamo visto un po’ meno di tre ore di vita in modalità “bassa potenza”: pensiamo che probabilmente è il modo in cui la maggior parte delle persone finirà per usarlo. Se state molto attenti e mantenete la luminosità piuttosto bassa, pensiamo che potrebbe essere possibile battere tre ore, ma dovreste sacrificare molto nella qualità dell’immagine per farlo. Spingendo tutto al massimo per l’uso durante il giorno, siamo stati in grado di ridurre l’autonomia a circa un’ora e mezza.

Una volta raggiunto il 20%, viene visualizzato un avviso che la batteria è scarica e questo può uccidere le app in esecuzione (o almeno lo ha fatto per noi). Vi costringe anche alla modalità “bassa potenza” con luminosità ridotta e quando la batteria è scarica, non potete disabilitarla.

Conclusioni e prezzo:

Se avete bisogno di un proiettore che possa accompagnarvi, sì è perfetto. L’unico avvertimento che posso davvero presentare per l’acquisto del BenQ GS50 è il prezzo di circa 750,00 €, ma è un costo più che in linea con tutte le caratteristiche tecniche di questo dispositivo. Abbiamo esaminato altri proiettori che costano un po’ meno ma sacrificano luminosità e qualità audio. Quindi se state cercando un proiettore portatile di alta qualità e con un bel design, lui è la soluzione giusta.

Se volete avere degli amici per una festa all’aperto e avete bisogno di un proiettore in grado di combattere le luci delle diurne del vostro cortile fornendo comunque un’immagine decente, con il suono abbastanza forte da poter essere ascoltato durante la conversazione, allora ecco perché dovete scegliere lui rispetto ad un proiettore più economico.

Se ne prendete uno, vi consigliamo di procurarvi uno schermo per proiettore appositamente realizzato, poiché la superficie fa un’enorme differenza in termini di luminosità, colore e contrasto.

 

749,00 €
9.1

Design e materiali

9.0/10

Qualità video

9.0/10

Luminosità

9.5/10

Audio

9.5/10

Prezzo

8.5/10

Pro

  • Auto focus
  • Super luminoso
  • Buona autonomia
  • Audio potentissimo

Contro

  • Non ha Netflix
Stefano Germinal
3D artist e videomaker grande amante del cinema e della tecnologia. Predilige i film fantasy, sci-fi, horror e d'animazione. Ha un cuore nerd, mai togliergli i suoi anime e le serate in fumetteria il mercoledì sera.