BMW

BMW Group prevede di lanciare i suoi primi veicoli con interni completamente vegani nel 2023. Ciò è reso possibile principalmente dallo sviluppo di materiali innovativi con proprietà simili alla pelle.

Sarà anche possibile utilizzare questi materiali per le superfici del volante, che devono soddisfare criteri severi in termini di sensazione, aspetto premium e resistenza all’usura. Gli interni saranno disponibili per la prima volta sia per i modelli BMW che MINI a partire dal 2023.

La riduzione delle emissioni di CO2 durante l’intero ciclo di vita di un veicolo è l’obiettivo centrale di BMW se vuole raggiungere l’obiettivo in merito alle emissioni di carbonio entro il 2050.

La selezione dei materiali ha un ruolo chiave da svolgere nel raggiungimento di questo obiettivo. La sostituzione delle materie prime di origine animale contribuisce in modo significativo all’aumento della sostenibilità nella produzione dei veicoli. L’introduzione di un nuovo materiale per i volanti vedrà la percentuale di componenti del veicolo che contengono tracce di materie prime di origine animale scendere a meno dell’uno per cento nei rispettivi veicoli BMW e MINI.

Un importante traguardo

BMW Group offre da molto tempo diverse alternative in tessuto alla pelle. Ora, per la prima volta, è possibile offrire un valido sostituto della pelle per l’interfaccia più importante tra guidatore e veicolo. Le superfici del volante devono soddisfare criteri severi in termini di aspetto, resistenza all’usura e durata. “Con un volante realizzato con un materiale di alta qualità, soddisfiamo i desideri dei nostri clienti che non vogliono scendere a compromessi in termini di aspetto, sensazione e funzionalità. Il materiale innovativo resiste all’usura causata da abrasione, sudore e umidità e ha tutte le proprietà desiderabili della pelle”, afferma Uwe Köhler, Head of Development Body, Exterior Trim, Interior presso il BMW Group. L’unica caratteristica distintiva del nuovo materiale sarà un nuovo effetto grana sulla corona del volante.

Il nuovo materiale della superficie del volante riduce le emissioni di CO2 di circa l’85% rispetto alla pelle. Finora la maggior parte delle emissioni prodotte, circa l’80 per cento, erano sotto forma di gas metano proveniente dall’allevamento del bestiame. Il restante 20 percento è dovuto alla lavorazione della pelle bovina.

VIApress
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it