Smartphone in spiaggia: addio a graffi e dispositivi inondati con questi trucchiQualche giorno fa vi abbiamo parlato della nomofobia, ovvero dell’impossibilità degli utenti di fare letteralmente a meno del proprio smartphone, in ogni singolo momento della giornata. La malattia, perché è proprio questo di cui si tratta, ha raggiunto nel 2022 livelli praticamente inattesi fino a poco tempo fa.

I ragazzi di DDAy hanno recentemente proposto un editoriale molto interessante, in seguito alla scoperta di un prodotto su Amazon che ha quasi dell’incredibile, stiamo parlando di una tenda da doccia con ben 17 tasche in cui posizionare i propri dispositivi elettronici. Un prodotto che permette quindi di posizionare tablet e smartphone, per non perdersi nemmeno una notifica, o una puntata su Netflix, tutto senza trascurare l’immancabile touchscreen che permette di controllare pienamente il prodotto, senza bagnarlo.

Le offerte Amazon sono gratis, con tantissimi codici sconto, solo sul nostro canale Telegram, correte ad iscrivervi subito qui.

 

Smartphone: una abitudine da evitare

Inizialmente l’idea poteva anche essere vincente, proprio per aiutare l’utente ad ascoltare ad esempio la musica mentre si sta facendo la doccia, ma per quest’azione ci sono altrettante soluzioni interessanti, come ad esempio speaker bluetooth, i quali garantiscono sicuramente una qualità del suono maggiore, con la possibilità di controllare anche la riproduzione.

Un prodotto tanto semplice quanto preoccupante, che mostra la tendenza della nostra generazione verso una vera e propria dipendenza assoluta dallo smartphone, sino a livelli incredibili. E voi? quanto utilizzate il vostro dispositivo mobile? riuscite a disintossicarvi, o vi sentite completamente dipendenti dallo stesso? lasciate un commento con la vostra esperienza diretta in materia.

VIADDay
Articolo precedenteAndroid Auto 8.0 e aggiornamento CoolWalk: ecco cosa cambierà nei prossimi mesi
Articolo successivoWhatsApp: con il nuovo trucco risultate invisibili in chat, ecco come
Denis Dosi
Laureato in ingegneria informatica nel lontano 2013, da sempre appassionato di scrittura e tecnologia sono riuscito a convogliare in un'unica professione le mie due più grandi passioni grazie a TecnoAndroid.