Crisi dei chip in Taiwan

Frans Scheper, capo di Intel per l’Europa, ha affermato che ci sarà un “enorme impatto” e una “grande crisi” per il settore se le esportazioni di chip da Taiwan saranno tagliate da Pechino.

I timori che le forniture per la produzione di chip possano essere interrotte negli ultimi giorni sono aumentate dopo l’aumento delle tensioni nella regione, a seguito di una visita a Taiwan della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi.

Il signor Scheper ha detto a The Telegraph: “Se si pensa ai telefoni cellulari, l’80-90 dei chip proviene dall’Asia, da quella specifica area. Per alcune applicazioni avrebbe un impatto enorme. Forse per altri un po’ meno, ma non sempre sono disponibili fonti alternative.

La grave carenza di chip a livello globale sulla scia della pandemia ha già colpito la produzione di automobili e console di gioco, ma l’interruzione del commercio di Taiwan scuoterebbe l’industria elettronica. Taiwan domina la produzione di chip che sono vitali per articoli come smartphone e tablet.

I commenti di Scheper arrivano mentre Intel aumenta la produzione negli Stati Uniti e in Europa. Il colosso tecnologico americano sta tentando di diversificare la produzione di chip e prevede di investire fino a 80 miliardi di euro negli stabilimenti europei nel prossimo decennio.

Una situazione confusa

Stiamo facendo importanti investimenti in Europa e in Nord America per ottenere più equilibrio“, ha affermato Scheper.

Ma gli investimenti impiegheranno anni per ripagare e Scheper ha affermato: “Se c’è una crisi a breve termine, non c’è molto che puoi si può fare, ma avrebbe un impatto importante“.

Venerdì, Pechino ha sospeso la cooperazione con gli Stati Uniti su una serie di questioni, tra cui il clima e l’esercito, dopo il viaggio della signora Pelosi. È la politica statunitense più anziana ad aver visitato Taiwan in 25 anni.

L’esercito cinese ha condotto esercitazioni militari vicino all’isola in risposta al viaggio e Taiwan ha messo in allerta il proprio esercito. Pechino afferma che l’isola è una provincia cinese nonostante sia governata in modo indipendente.

Gli esperti hanno avvertito che un blocco di Taiwan è una possibilità.

Mark Williams, capo economista asiatico di Capital Economics, ha dichiarato: “Anche se la maggior parte del commercio continuasse, la perturbazione economica globale sarebbe comunque enorme. La prospettiva che questa fornitura possa essere interrotta o interrotta nel prossimo futuro scatenerebbe acquisti e scorte di panico“.

FONTEmsn
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it