L’asteroide 2019 OK è apparso all’improvviso

L’asteroide 2019 OK è apparso improvvisamente in volo verso la Terra, allarmando Luisa Fernanda Zambrano-Marin e il team di astronomi dell’Osservatorio di Arecibo a Porto Rico sono entrati rapidamente in azione.

Dopo aver ricevuto un avviso, gli scienziati si sono concentrati sull’asteroide, che si stava avvicinando dal punto cieco della Terra: l’opposizione solare. Zambrano-Marin e il team hanno avuto solo 30 minuti per raccogliere il maggior numero possibile di letture radar. L’Università della Florida centrale (UCF) gestisce l’Osservatorio di Arecibo per la National Science Foundation degli Stati Uniti nell’ambito di un accordo di cooperazione.

Poiché l’asteroide sembrava spuntare dal nulla e viaggiava così velocemente, ha fatto notizia.

I risultati di Zambrano-Marin sono stati pubblicati il ​​10 giugno sul Planetary Science Journal, poche settimane prima che il mondo osservasse l’Asteroid Day, che è il 30 giugno, una giornata che serve per promuovere la consapevolezza globale ed aiutare a educare il pubblico su queste potenziali minacce.

“È stata una vera sfida“, afferma Zambrano-Marin, uno scienziato planetario dell’UCF. “Nessuno l’ha visto finché non è praticamente passato, quando abbiamo ricevuto l’allerta, abbiamo avuto pochissimo tempo per agire. Anche così, siamo stati in grado di acquisire molte informazioni preziose“.

Una sfida contro il tempo

Il telescopio di Arecibo era un radiotelescopio a riflettore sferico di 305 m costruito in una dolina naturale presso l’Osservatorio di Arecibo situato vicino ad Arecibo, Porto Rico.

Si è scoperto che l’asteroide aveva un diametro compreso tra 0,06 e 0,13 km e si muoveva velocemente. Ruotava da 3 a 5 minuti, il che significa che fa parte solo del 4,2% degli asteroidi a rotazione rapida conosciuti.

Secondo i dati, l’asteroide è probabilmente di tipo C, che sono asteroidi costituiti da argilla e rocce silicatiche, o di tipo S, che sono composti da silicato e nichel-ferro. Gli asteroidi di tipo C sono tra i più comuni e alcuni dei più antichi del nostro sistema solare. Il tipo S è il secondo più comune.

Per continuare la sua indagine, Zambrano-Marin sta attualmente ispezionando i dati acquisiti dal database Planetary Radar di Arecibo. Nonostante il fatto che il telescopio dell’osservatorio sia crollato nel 2020, il team di Planetary Radar sarà in grado di utilizzare l’attuale banca dati, che copre quattro decenni.

 

FONTEscitechdaily
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it