teslaTesla ha affrontato un “trimestre molto difficile” a causa di problemi con la catena di approvvigionamento. Musk ha inviato una mail a riguardo, come riportato da Electrek, in cui afferma: “Noi costruiamo prodotti incredibili e reali che le persone amano, migliorano le loro vite e il mondo. È una giornata di lavoro onesta che puoi percepire. Qualunque cosa stia succedendo in questo mondo incasinato, sappi che almeno quello che stai facendo è pura bontà e che ho infinitamente più rispetto e ammirazione per te della persona più ricca di Wall St.”

La società di auto elettriche che tutti conosciamo come la celebre Tesla “ha avuto un trimestre molto difficile, principalmente a causa della catena di approvvigionamento e delle sfide di produzione in Cina, quindi bisogna impegnarsi ancor di più”. I problemi di Tesla in Cina derivano dalla chiusura della Gigafactory di Shanghai per settimane a causa delle restrizioni dovute al coronavirus. Tesla ha isolato migliaia di lavoratori in ex fabbriche e persino in un campo militare per farli lavorare.

I lavoratori vengono messi in quarantena da due a tre giorni per soddisfare i requisiti del governo prima di poter interagire con i dipendenti esterni. Secondo quanto riferito, il campo è dotato di servizi igienici e docce mobili, trasportati tra l’alloggio e il luogo di lavoro in autobus. I dipendenti del primo turno dormono sul pavimento della fabbrica. Devono lavorare su turni di 12 ore, sei giorni su sette, per riportare la produzione a regime. Sono separati dalle loro famiglie e dal mondo esterno in generale.

Musk ha anche tentato di aumentare la produzione dei lavoratori dicendo a tutti i dipendenti che rischiano di essere licenziati se non tornano in ufficio e smettono di lavorare da remoto. “Chiunque desideri lavorare a distanza deve essere in ufficio per un minimo di 40 ore settimanali o lasciare Tesla”, prosegue. “Questo è meno di quanto chiediamo agli operai”. La posizione di Tesla va contro aziende come Apple e Google che hanno adottato il lavoro ibrido.

Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Innamorata perdutamente delle scienze umanistiche. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando anche la passione per la tecnologia.