google russia

La filiale russa di Google prevede di dichiarare bancarotta dopo che le autorità hanno sequestrato il suo conto bancario, rendendo impossibile pagare il personale e i fornitori, ma i servizi gratuiti, tra cui la ricerca e YouTube, continueranno a funzionare, ha affermato mercoledì un portavoce di Google.

L’unità Alphabet è stata sotto pressione in Russia per mesi per non aver cancellato i contenuti che Mosca considera illegali e per aver limitato l’accesso ad alcuni media russi su YouTube, ma il Cremlino finora ha smesso di bloccare l’accesso ai servizi dell’azienda.

“Il sequestro del conto bancario di Google Russia da parte delle autorità russe ha reso insostenibile il funzionamento del nostro ufficio in Russia, incluso l’assunzione e il pagamento di dipendenti, il pagamento di fornitori e l’adempimento di altri obblighi finanziari“, ha affermato un portavoce di Google.

Un’escalation molto veloce

Un canale televisivo di proprietà di un uomo d’affari russo sanzionato ha dichiarato ad aprile che gli ufficiali giudiziari avevano sequestrato 1 miliardo di rubli (15 milioni di dollari) da Google per il mancato ripristino dell’accesso al suo account YouTube.

Google non ha immediatamente confermato se sia stato il sequestro di quei fondi a portare alla sua intenzione di dichiarare fallimento o se si fossero verificati altri sequestri.

Il database del Servizio federale degli ufficiali giudiziari della Russia ha elencato due sequestri da metà marzo, senza specificare gli importi, nonché altre multe e spese di esecuzione.

Il servizio ha confermato di aver sequestrato beni e proprietà di Google.

Google ha confermato di aver trasferito molti dei suoi dipendenti fuori dalla Russia da quando Mosca ha inviato decine di migliaia di soldati in Ucraina il 24 febbraio. Ma alcuni avevano scelto di restare.

Una nota pubblicata mercoledì sul registro ufficiale russo Fedresurs affermava che la filiale di Google intendeva dichiarare bancarotta e dal 22 marzo aveva previsto “l’incapacità di adempiere ai propri obblighi monetari“, inclusi indennità di fine rapporto, retribuzione per il personale attuale ed ex e pagamenti obbligatori tempestivi.

L’amministratore delegato di Rostelecom, Mikhail Oseevskiy, ha dichiarato mercoledì che Google stava operando normalmente nel paese, compresi tutti i suoi server, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa TASS.

A dicembre, la Russia ha consegnato a Google un addebito di 7,2 miliardi di rubli per ciò che Mosca ha affermato essere una ripetuta mancata cancellazione di contenuti che la Russia considera illegali, la prima sanzione basata sulle entrate di questo tipo di casi in Russia.

VIAcnbc.com
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it